Agenzia Valerio

Sono partiti nei giorni scorsi per aiutare le popolazioni romagnole dopo l’alluvione. In consiglio comunale l’elogio del consigliere Antonio Pio Cappucci.

Dall’Associazione di Protezione Civile Misericordia di San Giovanni Rotondo in tre si sono uniti alle squadre di intervento con operatori di tutta Italia. “Da ieri, giovedì 25 maggio, i volontari stanno lavorando senza sosta per liberare strade, abitazioni e cantine che sono ancora sommerse dall’acqua e dal fango, la nostra comunità deve essere orgogliosa di questo piccolo, grande, gesto di altruismo. Non è la prima volta che questi nostri concittadini, rappresentanti di questa associazione ,danno il proprio contributo in queste occasioni. È doveroso ricordarlo anche in Consiglio comunale”- ha detto ad inizio dello scorso Consiglio comunale il consigliere Antonio Pio Cappucci sottolineando l’importanza del gesto dei tre sangiovannesi.

Cappucci ha chiesto la parola ad inizio seduta dopo che il presidente, Salvatore Ricciardi, ha letto un messaggio di solidarietà a nome di tutto il consiglio. “Il Comune di San Giovanni Rotondo è pronto ad offrire qualsiasi aiuto umanitario”- ha detto Ricciardi prima di chiedere un minuto di raccoglimento per le vittime dell’alluvione.

“Siamo partiti da San Giovanni Rotondo appena abbiamo avuto indicazioni del coordinamento dei volontari a livello nazionale- fanno sapere i tre  volontari della Protezione civile che ci chiedono di non pubblicare i nomi ma solo il nome dell’associazione a cui appartengono. Il nostro gruppo non ha esitato a dare la propria disponibilità, ci siamo messi subito a disposizione.”

I volontari sono impegnati in numerose attività, l’urgenza è quella di liberare definitivamente i piani bassi dalla presenza dell’acqua.

In foto un volontario di San Giovanni Rotondo. 

Autore

Kronos Bar

ADV Fini autosalone