Agenzia Valerio

Il presidente Michele Emiliano e il maestro Riccardo Muti hanno simbolicamente firmato la legge regionale relativa alla valorizzazione delle bande musicali pugliesi.

“Chi non poteva entrare in un teatro, non poteva assistere a un concerto di una orchestra, ascoltava le bande che hanno conservato la loro funzione sociale e culturale che la Regione Puglia, con un lungo lavoro, ha racchiuso in una norma per tutelarle. La vera rivoluzione, la Puglia l’ha fatta quando si è riappropriata della sua identità e delle sue tradizioni, senza vergognarsene”.

Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano durante la presentazione ufficiale della legge regionale sulla valorizzazione delle bande musicali pugliesi, alla presenza del direttore d’orchestra Riccardo Muti che ha ricordato i suoi trascorsi pugliesi, in particolare la fanciullezza e l’adolescenza vissuta a Molfetta.

“Le bande insegnano a fare armonia, a muoversi all’unisono, a fare insieme – ha detto il maestro Muti – Ora che in questo Paese stanno succedendo tanti fatti di cronaca brutti, noi dobbiamo prendere esempio dalle bande, ascoltarle, perché fanno comunità con la loro musica, anche nostalgica. Donano emozioni e armonia. Se avrò modo di vedere il ministro Sangiuliano, gli parlerò di questa iniziativa affinché sia esempio nazionale”.

“Non le chiamerei bande da giro – ha aggiunto Muti – perché sembra una dimunutio, ma bande musicali. Le radici sono importati, le mie sono a Molfetta e ne sono fiero perché mi sono innamorato della musica attraverso le bande. E vi svelo un segreto: quando negli anni Ottanta dirigevo a Philadelphia, mentre mi preparavo indossando il frac, ascoltavo le marce funebri molfettesi perché mi davano un forte senso di appartenenza, mi ricordavano che venivo da un mondo così diverso da quello sgargiante americano che non aveva l’umanità, le fondamenta, la bellezza e la storia che la Puglia possiede”.

Al maestro Muti sono stati donati gli spartiti originali di suite per balletti risalenti al 1969 del maestro Michele Lufrano.

Alla presentazione hanno partecipato la consigliera regionale delegata alle Politiche Culturali, Patrimonio Materiale e Immateriale e Valorizzazione dei Borghi Grazia Di Bari; il direttore generale del Dipartimento Turismo, Economia della Cultura, Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia Aldo Patruno; il presidente della Commissione Cultura della Regione Puglia Donato Metallo; il sindaco di Conversano Giuseppe Lovascio e le autorità civili e religiose. Moderatore il direttore dei telegiornali di TeleNorba Enzo Magistà.

Al termine il presidente Emiliano e il maestro Muti hanno simbolicamente firmato la legge regionale relativa alla valorizzazione delle bande musicali pugliesi.

“La legge per la valorizzazione, promozione e sostegno della cultura bandistica pugliese – ha spiegato Di Bari – è motivo di orgoglio per la Regione Puglia. Il testo è frutto del grande lavoro di squadra partito dai territori con la sottoscrizione di un protocollo dei Sindaci, dei Maestri, fatto dal Dipartimento Cultura con il presidente Donato Metallo e tutti i componenti della Commissione Cultura”.

Kronos Bar

ADV Fini autosalone