Agenzia Valerio

Con l’opera Apulia Mea, Arianna Savino è la vincitrice del contest artistico indetto da SILAC, importante azienda casearia manfredoniana del gruppo Parmalat.

Con tutta l’energia dei suoi vent’anni, Arianna, realizza, crea, allestisce, dipinge, disegna, comunica attraverso l’arte. Una passione che ha fin da piccola e che ha indirizzato i suoi studi, prima il Liceo Artistico a Foggia e ora l’università a Pescara, con indirizzo design.

Venuta a conoscenza, dai social, del contest rivolto a illustratori e grafici pugliesi creato da SILAC, marchio storico pugliese della produzione e commercializzazione di latte fresco e specialità caseari, con la collaborazione di Bottega Degli Apocrifi e del Distretto Produttivo Puglia Creativa, la fantasia di Arianna si è messa in moto. Ispirata dai tramonti, dal mare, dalle coltivazioni che dal Gargano al Salento creano scenari meravigliosi ha dato vita all’opera Apulia Mea, aggiudicandosi il primo premio.

“Arianna ha saputo meglio interpretare la Puglia di domani, tra innovazione, bellezza e tradizione. Un collage pittorico coloratissimo che rappresenta in modo sorprendente le eccellenze della nostra terra”

La premiazione è avvenuta il 18 aprile presso le Officine degli Esordi, in cui esponenti del panorama accademico e culturale pugliese, come la Prof.ssa Anna Pucciarelli docente dell’Accademia delle belle arti di Barie il vice direttore dell’Accademia di belle arti di Foggia, Prof. Francesco Arrivo, hanno sottolineato l’importanza delle radici culturali e artistiche del territorio e di come l’arte vada ben oltre la mera creatività, richiedendo dedizione, studio e costante impegno.

Inoltre, è stato ribadito il fondamentale contributo delle aziende del territorio nel sostenere e valorizzare le risorse locali, permettendo loro di continuare a operare nel contesto di provenienza. Questo sostegno non solo favorisce lo sviluppo artistico e culturale della comunità locale, ma contribuisce anche alla creazione di legami solidi tra settori diversi, alimentando un circolo virtuoso di crescita e sviluppo.

Molto fiera di questo traguardo, Arianna ha voluto fare una dedica dolcissima: “Dedico questo premio non solo a me stessa, ma anche a chi mi hanno sostenuta lungo tutto il percorso: i miei genitori, la mia amata famiglia e anche a tutte le persone straordinarie che mi circondano, che con la loro costante presenza e incoraggiamento hanno reso possibile ogni mio successo”.

Arianna non sa ancora cosa vorrà fare “da grande” ma di sicuro l’arte sarà sempre la guida per i suoi sogni. L’opera Apulia Mea è già presente sulle confezioni dei prodotti SILAC in commercio.

Articolo a cura di Maria Pia Carruozzi

Kronos Bar

ADV Fini autosalone