Agenzia Valerio

Sono sei i profughi arrivati ieri, tra cui tre bambini, “si stanno per ricongiungere a loro parenti che vivono qui a San Nicandro Garganico”, spiega il sindaco Matteo Vocale.

“Siamo riusciti a farli venire in Italia ma abbiamo dovuto andare prelevarli a Verona perché in difficoltà. Abbiamo approntato  un hub di quarantena (5 giorni) presso la ex scuola Matteotti, con posti letto e sala mensa”- spiega il primo cittadino.

“Questa mattina saranno indirizzati subito al Poliambulatorio per gli adempimenti sanitari. Ringrazio l’AVERS per tutto il lavoro di allestimento, per la gestione e per la squadra partita per Verona, l’oratorio Santa Teresa d’Avila per la disponibilità del mezzo, la locale Croce Rossa Italiana per letti, coperte e altri generi. Al momento non occorre nulla. Nel caso, Vi terremo informati”, conclude rivolgendosi ai cittadini sannicandresi.

Kronos Bar

ADV Fini autosalone