Agenzia Valerio

Il Natale a Monte Sant’Angelo ha il sapore dell’autenticità, dei valori, della comunità unita. Giovedì 15 si è tenuta la marcia “La luce della comunità”.

Un fiume di ragazzi hanno invaso la città con canti, letture, temi importanti. Le tappe: Comune dedicata alla legalità, Santuario dedicata alla pace con l’intervento dell’Arcivescovo, Villa dedicata alla sostenibilità e piazza dedicata alla solidarietà. Gli stessi temi al centro degli allestimenti dei quattro alberi nella piazza centrale della Città.

“La luce della nostra comunità sono i nostri ragazzi” – ha detto il sindaco Pierpaolo d’Arienzo. Pace, legalità, sostenibilità e solidarietà. Quattro temi, quattro alberi, quattro tappe per la marcia “la luce della comunità” che è culminata con l’accensione dell’ “Albero della comUNITÀ”.

All’iniziativa – promossa dal Comune insieme agli Istituti scolastici e alle associazioni – hanno partecipato gli studenti degli Istituti comprensivi “Giovanni XXIII” e “Giovanni Tancredi – Vincenzo Amicarelli” e dell’Istituto superiore “Gian Tommaso Giordani”. Letture e canti nelle quattro tappe hanno animato la marcia. L’albero della solidarietà è stato allestito dalle associazioni.

“Monte Sant’Angelo sta scrivendo un meraviglioso vocabolario” – è stato il commento di Padre Franco Moscone, Arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, che ha accolto sul sagrato del Santuario di San Michele Arcangelo, insieme ai Padri Micheliti, gli studenti che hanno intonato, tra le altre cose, “Imagine” di Lennon.

Accompagnata anche dalla Banda di Monte Sant’Angelo, la marcia è arrivata in Piazza Duca d’Aosta e la comunità intera – con il Sindaco Pierpaolo d’Arienzo e la Dirigente Enza Santodirocco – ha illuminato “L’albero della comunità”, i quattro alberi dedicati a pace (allestito dall’Istituto comprensivo “Giovanni XXIII”), sostenibilità (allestito dall’Istituto comprensivo “Tancredi-Amicarelli”), legalità (allestito dall’Istituto superiore “G. T. Giordani”) e solidarietà (allestito dalle associazioni).

Al termine, il “Gran galà dei bambini” con musica, mascotte, zucchero filato e caramelle.

ADV Fini autosalone

ADV Fini autosalone