Agenzia Valerio

BIT, nello stand Puglia incontro con il sindacato balneari. Piemontese: “Il governo tiene nel limbo un intero comparto economico”. Lopane: “c’è grande preoccupazione”.

“Il Governo nazionale ha preso in giro i balneari italiani, li ha sedotti e abbandonati nel limbo delle incertezze”. Lo ha affermato il vicepresidente della Regione Puglia e assessore al Demanio, Raffaele Piemontese, alla BIT – Borsa Internazionale del Turismo di Milano, a margine di un incontro congiunto con l’assessore regionale al turismo Gianfranco Lopane e il presidente nazionale del Sindacato Italiano dei Balneari, Antonio Capacchione, sull’ormai annosa questione delle concessioni demaniali marittime.

“Durante le elezioni politiche – ha aggiunto Piemontese – è stato promesso ai balneari che il nuovo Governo avrebbe risolto il tema della proroga delle concessioni demaniali marittime, ma da un anno e mezzo li tiene nell’incertezza assoluta e gli imprenditori balneari, anche di fronte alla possibilità di accedere a nostri finanziamenti regionali, non sanno cosa fare perché la loro concessione è sostanzialmente scaduta o in scadenza con una proroga estremamente breve”.

“Non c’è una legge di riordino del settore che dia indicazioni alle Regioni e ai Comuni su come si debba sbloccare la situazione – osserva il vicepresidente della Regione Puglia – e, nonostante i preannunciati provvedimenti normativi nazionali che avrebbero dovuto introdurre forme di premialità per gli investimenti sostenuti dagli attuali concessionari. È il Governo nazionale che deve indicare la soluzione, non può tenere in stallo un intero settore economico”.

“La partecipazione alla BIT della Regione Puglia – ha aggiunto l’assessore regionale al Turismo Gianfranco Lopane – ci ha consentito, tra le varie cose, di riposizionare la strategia sul prodotto turistico legato al mare: un prodotto che si arricchisce sempre di più e su cui puntiamo nelle attività in corso. C’è motivo però di grande preoccupazione per l’incertezza con cui viene affrontata la questione legata ai balneari: abbiamo bisogno che il Governo nazionale dia un indirizzo preciso alla questione e la risolva, perché gli imprenditori possano investire nelle strutture balneari”.

“Il prodotto mare è l’ammiraglia del turismo, non solo in Puglia ma in tutto il Paese – ha aggiunto Antonio Capacchione – ma abbiamo un grosso problema che è quello di dare certezza agli operatori. La Bolkestein è una questione fondamentale per il nostro Paese. Ci aspettiamo che il Governo nazionale la risolva nel più breve tempo possibile perché non possiamo più aspettare oltre. Non possiamo rischiare che, dopo la rabbia degli agricoltori, esploda anche quella dei balneari. Noi confidiamo che il Governo affronti e risolva la questione nel più breve tempo possibile”.

Kronos Bar

ADV Fini autosalone