Agenzia Valerio

Protestano con una lettera i commercianti che da circa due anni stanno subendo disagi per il protrarsi dei lavori di Corso Regina Margherita, preoccupazione per la Notte Bianca: “Permetteteci di lavorare come le altre attività.”

La serata “Strade di-vino rosato”, di venerdì scorso, doveva svolgersi da programma in Corso Regina Margherita, ma il mancato completamento dei lavori e la mancanza delle griglie di protezione della raccolta delle acque piovane non ha permesso di utilizzare l’importante arteria del borgo antico oggetto di lavori di Rigenerazione urbana da novembre del 2021. Manca poco alla consegna dei lavori, non è stata comunicata nessuna eventuale data da parte dei responsabili del cantiere. La preoccupazione dei commercianti del centro storico è concentrata sugli eventi previsti nel cartellone estivo organizzato da amministrazione e Pro Loco. I commercianti chiedono, con una raccolta firme, “di poter partecipare, e di non essere esclusi, dalle tante attività previste”.

La petizione è indirizzata al primo cittadino, Michele Crisetti, all’assessore Lucia Palladino, urbanistica e cultura, e all’assessore Giuseppe Siena, viabilità.

«Come attività commerciali del Centro storico ci sentiamo ancora penalizzati e danneggiati per il protrarsi dei lavori di Rigenerazione urbana di Corso Regina Margherita. Questa penalizzazione si verificherà anche nel corso degli eventi organizzati per il cartellone estivo, la situazione di Corso Regina Margherita non ci permette ancora di usufruire dello spazio all’aperto, cosa che il resto dei commercianti della nostra città potrà fare, ad esempio nel corso della manifestazione “la Notte Bianca” »,spiegano gli operatori.

«Vi chiediamo di rendere invece possibile e di rimediare a questa incresciosa situazione, vorremmo anche noi collaborare alla buona riuscita delle manifestazioni previste e avere la possibilità di lavorare al pari dei nostri colleghi, riteniamo questa una proposta di buon senso visto anche il lungo periodo in cui abbiamo avuto notevoli disagi anche economici per via del protrarsi dei lavori.  Ci riteniamo penalizzati ingiustamente e da troppo tempo e, nonostante qualche dichiarazione pubblica, non abbiamo ottenuto nessuna agevolazione fiscale. Ricordiamo che la Rigenerazione Urbana non è solo quella del rifacimento della strada ma anche quella di ritrovare e restituire alla città un sano luogo di aggregazione sociale. Certi di un riscontro positivo vi chiediamo di accelerare la conclusione, anche parziale dei lavori, per permetterci di lavorare, come le altre attività della città». Conclude la lettera dei commercianti.

Kronos Bar

ADV Fini autosalone