Agenzia Valerio

L’appello questa mattina dell’assessore alla Sanità intervenuto all’open day, sono state oltre 4mila le dosi già somministrate a pazienti con fragilità, superando il 50% del target assegnato attraverso la chiamata attiva. 

Per fare il punto sulle vaccinazioni anti covid questa mattina all’open day organizzato dal Policlinico è intervenuto l’assessore alla Sanità, Rocco Palese: “La campagna vaccinale in Puglia non è stata mai sospesa. È importantissima. Noi sollecitiamo tutti ad effettuare la vaccinazione. I vaccini funzionano. I vaccini consentono, anche in caso di contagio, una risposta certa”, ha evidenziato l’assessore.

“Siamo in un contesto generale – ha aggiunto Palese – in cui bisogna cercare di accelerare al massimo la quarta dose, sia per gli ultrasessantenni e sia soprattutto per le fasce deboli. I pazienti fragili devono vaccinarsi e non aspettare l’autunno. Occorre fare la vaccinazione trascorsi quattro mesi dall’ultima somministrazione”.

“La Puglia sta rispondendo bene. Nelle ultime due settimane abbiamo vaccinato più di 30.000 persone – ha evidenziato Vito Montanaro, direttore del Dipartimento Promozione della Salute, anche lui al Policlinico questa mattina – è stata premiata l’azione che abbiamo iniziato già un mese fa di sensibilizzazione alla somministrazione della quarta dose, proprio in relazione all’indice di circolazione del virus che era molto alto”.

“Gli epidemiologi sostengono che vi sarà un’ulteriore ondata”, ha aggiunto Montanaro, “Noi, come abbiamo dimostrato, siamo pronti ad organizzare la macchina delle vaccinazioni in pochissimi giorni. Siamo pronti ad attivare hub man mano che è necessario, in stretta correlazione con il numero delle richieste. Abbiamo già iniziato le trattative perché a ottobre, quando sarà disponibile la nuova formulazione del vaccino, si potrà iniziare con celerità a somministrare sia il vaccino antinfluenzale che il vaccino anti covid”.

“Il Policlinico non ha mai interrotto la campagna vaccinale per i fragili”, ha ribadito la direttrice sanitaria del Policlinico di Bari, Anna Maria Minicucci.  “Questo centro vaccinale non si è mai chiuso. Lavoriamo per i fragili, per i nostri pazienti a cui abbiamo garantito sin dall’inizio una vaccinazione in strutture protette, lì dove vengono curati, e questo li ha molto rassicurati rispetto ai potenziali rischi”.

“Questa apertura agli over 60 – ha concluso la Minicucci – è importante anche per il personale sanitario, perché sono stati i primi ad essere vaccinati e quindi attualmente la loro copertura vaccinale si è ridotta, stiamo invitando anche i nostri dipendenti, il personale sanitario over 60 a effettuare la vaccinazione”.

ADV Fini autosalone