Agenzia Valerio

Cresce la preoccupazione per l’incolumità personale durante la notte, quando ci sono i cambi turno per l’irrigazione.

Coldiretti Foggia parla di “invasione sul Gargano di lupi e cinghiali che nel giro di dieci anni sono raddoppiati mettendo a rischio non solo le produzioni agroalimentari, gli animali nelle stalle e l’assetto idrogeologico del territorio, ma anche la vita stessa di agricoltori e automobilisti, come testimoniato dai frequenti incidenti, ma cresce anche la preoccupazione per gli attacchi dei lupi durante i cambi turno di notte per l’irrigazione”.

Coldiretti Foggia registra fenomeni “assolutamente fuori controllo che stanno esasperando agricoltori e allevatori, con l’ennesima mattanza di animali a Manfredonia sotto l’attacco di un branco di lupi”.

“La provincia di Foggia combatte ad armi impari contro i cinghiali che distruggono le coltivazioni e attaccano gli uomini e gli animali allevati, gli storni che azzerano la produzione di olive e distruggono le piazzole, i cormorani che mangiano i pesci negli impianti di acquacoltura, i lupi che aggrediscono e sbranano pecore, mucche e capre, in barba a recinzioni e reti”, denuncia il presidente di Coldiretti Foggia, Mario de Matteo.

Negli ultimi anni la situazione è diventata esplosiva – denuncia Coldiretti Puglia – perché i cambiamenti climatici e l’habitat favorevole offerto dal Parco del Gargano hanno favorito la capacità di adattamento di cinghiali e lupi. Negli ultimi anni si è reso necessario un continuo vigilare su greggi e mandrie, al fine di proteggerle dagli attacchi poiché recinzioni e cani da pastori spesso non sono sufficienti per scongiurare il pericolo. La resistenza degli agricoltori è al limite – spiega la Coldiretti regionale – è urgente trovare nuove modalità di azione che permettano di organizzare in maniera più efficace un sistema di gestione di questi animali predatori, che non sono più specie in via di estinzione”.

Kronos Bar

ADV Fini autosalone