Agenzia Valerio

Iniziativa dell’associazione “Il Mondo che vorrei”  di San Giovanni Rotondo, “Occasione da non perdere. Solo un’associazione ben organizzata può cambiare le cose”, incontro pubblico sabato 6 novembre.

“Siamo un gruppo di Genitori che, proprio come fai tu, ogni giorno e per tutta la propria esistenza, devono affrontare le difficoltà e le esigenze dei nostri figli portatori di handicap. Per molto tempo, troppo tempo, i soggetti con disabilità hanno sofferto la discriminazione, l’umiliazione di essere considerati un peso per la società. Certo i tempi sono cambiati. Molti sono stati i provvedimenti per migliorare le condizioni dei “diversamente abili” e delle loro famiglie. Ma è stata una evoluzione spontanea?”, si legge nell’invito all’iniziativa dell’associazione Il Mondo che vorrei di San Giovanni Rotondo.

“Certamente no! E’ stato solo il frutto dell’impegno e dei sacrifici di persone, genitori compresi, che hanno dedicato la propria esistenza al miglioramento dei propri figli e dei figli altrui. Il mondo che vorrei è un mondo in cui le persone con disabilità e le loro famiglie possano vedere i propri diritti rispettati. Il mondo che vorrei è un mondo in cui sia chiaro che ciò che diamo ai nostri disabili è sempre poco rispetto a ciò che loro danno a noi. Il mondo che vorrei è un mondo che assicuri ai nostri figli un sereno “dopo di noi”. E’ inutile elencare tutti i problemi che ancora oggi ruotano attorno al mondo della disabilità. Ecco perché abbiamo bisogno del tuo aiuto e tu hai bisogno del nostro! La nascita e l’adesione alla nostra associazione è una occasione da non perdere. Usciamo dal ghetto, uniamoci. Solo un’associazione ben organizzata può cambiare le cose e vedrai che il mondo che vorresti, può diventare realtà”.

Sabato 6 novembre alle ore 16.30 si svolgerà un incontro presso la Parrocchia Trasfigurazione del Signore, dove l’associazione  presenterà i programmi e le iniziative.

Informazioni: Mario Riontino  335 6528387, Loredana Carfagno  335 5730985.

ADV Fini autosalone