Agenzia Valerio

Un cippo commemorativo ed una croce in legno per non dimenticare le sette vittime della tragedia aerea avvenuta il 5 novembre del 2022, quando un elicottero precipitò in località Castelpagano.

A bordo dell’elicottero, partito dalle Isole Tremiti e diretto a Foggia, c’erano il pilota Luigi Ippolito, il copilota Andrea Nardelli, Maurizio De Girolamo, medico del 118 che quella mattina tornava dal servizio nelle Isole, Bostjan Rigler, la moglie Mateja Curk Rigler, ed i due figli Jon e Liza, questi ultimi turisti e componenti della famiglia slovena.

La cerimonia di commemorazione di questa mattina è avvenuta alla presenza tra gli altri del prefetto di Foggia Maurizio Valiante, del procuratore della Repubblica Ludovico Vaccaro, dell’ambasciatore sloveno in Italia e dei parenti delle vittime.

“Ringraziamo di cuore il Comune di Apricena per non aver dimenticato le vittime della tragedia aerea. Il ricordo di quei giorni – hanno dichiarato Francesco e Achille, figli del pilota Luigi Ippolito – resterà sempre una ferita aperta.”

“La città di Apricena si sente ancora profondamente scossa nel dolore per la tragedia aerea. Nel ricordo di queste vite ci siamo ritrovati insieme sul luogo della sciagura”- ha detto il sindaco Antonio Potenza.

Kronos Bar

ADV Fini autosalone