Agenzia Valerio

In modo particolare dell’apparato muscolo-scheletrico e del tessuto connettivo, la nomina, ricevuta dopo la valutazione positiva della Commissione Europea, premia 4 anni di innovazione nell’assistenza e nella presa in carico dei pazienti.

L’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza è entrata a far parte delle reti europee di riferimento per le malattie rare e non comuni (European Reference Networks – ERN). Dopo l’ufficialità ricevuta dall’ufficio competente della Commissione Europea, dal gennaio di quest’anno l’Ospedale di San Giovanni Rotondo fa parte di due reti ERN di riferimento: ERN-SKIN sulle malattie di interesse dermatologico, ed ERN ReCONNET sulle malattie muscolo-scheletriche e del tessuto connettivo.

La selezione dei centri che fanno parte delle reti ERN ha tenuto conto di diverse caratteristiche delle strutture ospedaliere candidate: gli standard di presa in carico e la cura del paziente, l’organizzazione e la gestione generale dell’Istituto, le attività di ricerca svolte, le competenze, i sistemi informativi ed una serie di criteri relativi alle specifiche patologie trattate.

A facilitare l’ingresso di Casa Sollievo nelle due reti europee hanno contribuito anche una serie di innovazioni organizzative portate avanti negli ultimi anni dall’Ospedale di San Giovanni Rotondo, tra queste: l’apertura nel gennaio del 2018 dello Sportello Malattie Rare come strumento di prenotazione agevolata di prestazioni ambulatoriali; la costituzione a marzo 2019 della rete territoriale Piattaforma Organizzativa Malattie Rare d’intesa con Provincia di Foggia, Azienda Ospedaliera Universitaria Ospedali Riuniti di Foggia, rete A.Ma.Re. Puglia ed i rappresentanti dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta operanti nel territorio della ASL; infine, da settembre 2020, la costituzione di un protocollo d’intesa con A.Ma.R.A.M. (Associazione Malattie Rare dell’Alta Murgia) che ha ampliato ulteriormente la rete territoriale.Innovazioni che hanno agevolato le persone affette da sospetta malattia rara e le loro famiglie – residenti in Provincia di Foggia, in Puglia o al Sud Italia – ad identificare il centro malattie rare più adatto per una valutazione, la presa in carico di tipo medico o per richiedere quanto previsto in ambito socio-sanitario nel territorio di residenza.

«I “numeri” che ci hanno permesso di ottenere questi risultati sono quelli prodotti per le sindromi di Ehlers-Danlos e per le altre patologie rare con ipermobilità articolare – spiega Marco Castori, medico genetista, direttore dell’Unità di Genetica Medica dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza. Per queste patologie, la nostra Istituzione è riconosciuta come centro diagnostico e di ricerca a livello internazionale e si sta impegnando a realizzare dei percorsi assistenziali in continuità con i servizi territoriali. L’ingresso nelle reti europee è un traguardo che si inserisce in una lunga tradizione che vedeva già l’Ospedale di San Pio punto di riferimento per altre malattie rare e complesse afferenti a queste tematiche, tra cui, ad esempio, la neurofibromatosi e le patologie autoimmuni di interesse reumatologico».

ADV Fini autosalone