Il gruppo di ricerca dell’Unità di Cancer Biomarkers dell’Istituto di Medicina Rigenerativa (ISBReMIT) dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo è impegnato su diversi fronti: dallo studio delle cause e dei meccanismi di sviluppo dei diversi tipi di tumore, alla diagnosi precoce e nella cura.

Tra le malattie polmonari, il tumore è quella che oggi rappresenta la principale causa di morte. Al tumore del polmone sono attribuiti ogni anno 380mila decessi solo in Europa e 1,8 milioni di decessi in tutto il mondo con 2 milioni di nuove diagnosi. Numeri che, con la pandemia da COVID-19, si prevede aumenteranno. L’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza è fortemente impegnato nella ricerca delle cause, della diagnosi precoce e della cura del tumore al polmonee, nonostante le difficoltà causate dalla pandemia negli ultimi diciotto mesi, questa ricerca ha raggiunto importanti risultati.

Un recente studio condotto da Casa Sollievo ha esaminato i meccanismi di insorgenza dell’adenocarcinoma polmonare (LUAD) che, per la forma aggressiva, sono ancora poco chiari. Questo tipo di tumore polmonare è il principale “non a piccole cellule (NSCLC)” e viene diagnosticato in circa il 40-50% di tutti i casi di tumore polmonare. Lo studio è stato coordinato da Fabrizio Bianchi, responsabile dell’Unità di Cancer Biomarkers dell’Istituto di Medicina Rigenerativa (ISBReMIT), IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza, che si avvale del supporto di enti sponsor quali l’Associazione Italiana per la Ricerca contro il Cancro (AIRC) e il Ministero della Salute. «Utilizzando più coorti di pazienti (per un totale di 1.227 pazienti coinvolti) e linee cellulari tumorali»,ha spiegato Valentina Melocchi, ricercatrice dell’Unità di Cancer Biomarkers e primo autore dello studio, «sono stati analizzati il trascrittoma dell’adenocarcinoma polmonare (LUAD) e i profili di espressione genica mutazionale e immunitaria. È stato così possibile identificare un particolare sottotipo di adenocarcinoma polmonare denominato “C1-LUAD”,già molto aggressivo nelle sue prime fasi di sviluppo».

Il gruppo di ricerca sta anche lavorando ad un nuovo test molecolare basato sull’analisi di alcuni microRNA, piccoli RNA con funzione regolatoria e capaci diidentificare il sottotipo C1-LUAD. Il test – già depositato all’Ufficio Europeo dei Brevetti – che permetterà di identificare precocemente i tumori del polmone più aggressivi, che necessitano quindi di terapie mirate per ridurne il loro potenziale metastatico, viene descritto in un altro recente studio realizzato da Elisa Dama, biostatistica dell’Unità di Cancer Biomarkers.

Google search engine