Agenzia Valerio

La provincia di Foggia, Apulia Film Commission e Regione Puglia protagonisti al Festival di Venezia, il regista americano di origini italiane racconta la storia di Padre Pio e l’eccidio del 1920 accaduto a San Giovanni Rotondo il 14 ottobre.

Il regista Abel Ferrara racconta Padre Pio in un film in concorso e in anteprima mondiale alla XIX edizione delle Giornate degli autori, che si svolgeranno al Lido di Venezia durante la Mostra del Cinema. Prodotto da Italia, Germania e Gran Bretagna, interpretato da Shia Labeouf, Cristina Chiriac, Marco Leonardi, Asia Argento, Vincenzo Crea, Luca Lionello, Salvatore Ruocco, Brando Pacitto, Stella Mastrantonio, Martina Gatti, Roberta Mattei, “Padre Pio” è ambientato alla fine della Prima Guerra Mondiale.

Girato in quattro settimane, dal 24 novembre al 17 dicembre 2021, narra i fatti avvenuti nel 1920 a San Giovanni Rotondo. Si tratta della prima vittoria socialista contadina repressa nel sangue, concomitante con l’arrivo in città del giovane frate in piena crisi mistica che manifesta i primi miracoli e riceve proprio allora le prime stimate.

Perché unire la storia di Padre Pio alle lotte sociali e all’eccidio di San Giovanni Rotondo?– riporta l’agenzia ANSA-  “Perché non puoi parlare dell’uno senza l’altro – dice il regista Abel Ferrara -. Questo film è una sorta di documentario e si vede chiaramente l’inizio di quella che sarà la seconda guerra mondiale. Le stigmate vengono fuori infatti nel momento stesso in cui sta succedendo tutto questo. Una sorta di avvertimento, di monito di quello che stava per accadere come la crisi finanziaria e l’olocausto.”

Guarda Padre Pio Official Trailer

ADV Fini autosalone