Agenzia Valerio

Sono tante altre le iniziative di promozione ed educazione alimentare che si stanno svolgendo nella cittadina garganica: la rinomata sagra dell’olio extra vergine d’oliva e delle fave, la “camminata tra gli olivi” secolari della piana di Carpino, “frasca fanoia e olio novello”, “scuole aperte” ed “andar per frantoi”.

Il 7 dicembre 2021, la Pro Loco di Carpino e Foodaunia in collaborazione con l’Istituto Omnicomprensivo Padre Giulio Castelli e l’amministrazione comunale incontra gli studenti delle superiori con il progetto “Olio in cattedra”. Il progetto ha l’obiettivo di promuovere nei giovani la consapevolezza che l’olio extravergine d’oliva è un’eccellenza della nostra gastronomia per cui siamo conosciuti in tutto il mondo, ma anche un forte elemento culturale. Olio in cattedra, con riferimento al progetto ideato dall’associazione nazionale città dell’olio, verte in un incontro-dibattito con esperti del settore oleario sulle problematiche connesse alla produzione di olio extra vergine d’oliva. Qualità, frodi e sfide future.

A stimolare l’attenzione dei liceali saranno gli interventi dell’agronomo dott. Michele Palmieri e della nutrizionista nonché assessora alla P.I. del Comune di Carpino dott.ssa Caterina Foresta. Interverrà, per i saluti di casa, il dirigente scolastico prof. Claudio Costanzucci Paolino. 

Il 70 % dell’economia locale ruota intorno alla produzione di Olio: 6 frantoi oleari e più di 30 aziende agricole garantiscono a Carpino il primato assoluto sul mercato olivicolo.

ADV Fini autosalone