Stampa questa pagina
Venerdì, 26 Agosto 2016 10:37

Poesia & Gargano

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sesta poesia della rubrica Poesia & Gargano. Pubblichiamo a scadenza regolare una poesia di un autore nato nel Gargano o che abbia avuto modo di transitare, soggiornare e conoscere il Gargano. In tal modo si intende rendere non un semplice omaggio alla nostra terra, portare l'attenzione sul modo di guardare questo pianeta, e ogni suo luogo, per abitare poeticamente il mondo, e farlo nostro.

  LUIGI IANZANO

Amore de ferla
(inedita, 2016)

Prèta pe pprèta cogghie e annette frasche,
pe ssi sespónde me recogghie, e voschë
mersë e pendunë nghiane, me ngaforchie,
stocche dui cippe, ficche flebbe e nzurchie
fine, e më sckine, refrisckate e ruscë.
Nandë pe nandë sfrónne e scanze frusce,
mbétte ce chiatra se faveddë mbizze,
scanze, e lli sonne, tutte ssi bellizzë.
Cra, terra mija, t’arrija nijà,
ónna m’arrija puté ma’ ngemà?
Própia cqua, ónna la pugghia ngrapina,
nghiana l’amore e gghji’ me tròue ngima.

 

Sapore di ferula

Pietra dopo pietra colgo e mondo frasche,
fra questi sostegni mi ricompongo, e boschi
pendii e fondi rocciosi risalgo, mi rintano,
spezzo qualche stecco, lo inietto a mo’ di flebo e dormo
con goduria, e pienamente godo, ritemprato e roseo.
Passo dopo passo sfrondo e scosto fogliame,
il cuore si raggela se torno all’italiano,
se trascuro, poi la rimpiango, tanta bellezza.
Domani, terra mia, dovessi osare rinnegarti,
a quali lidi mai potrei aggrapparmi?
Proprio qui, dove la piana va inerpicandosi,
si intensificano i profumi ed io raggiungo le vette.

Hièttema
(da ‘Spija nGele’, 2016)

Mbréttene li détra la vetrina,

pare ché cë ménene a ngappà.

Jale e ppo l’annitte n’ata vòta

come si vulissë scangellà,

come si ammucciasse cacchéccòsa:

hiètteme ché jòchenë a ndrunà,

sàccura de sónne mbalienute,

sfringe sfritte ché ha’ da padijà.

Pigghia e scangellame n’ata vòta.

 

Affanno

Imbrattano le dita la porta a vetri,

sembra che prendano a rincorrersi.

Sbadigli e poi la ripulisci

come a voler cancellare,

come a celare qualcosa:

fiatoni che gareggiano a stordire,

sacchi di sonno ammuffito,

carne malcotta da digerire.

E così ricancelliamo.

 

 

Spija nGele

(da ‘Spija nGele’, 2016)

Spija ngele, papà, quanda stédde

ce tenne massera cumbagnìja

e quand’acriddë rìrene a nottë

tetecate da sta bbella luna.

Tutte, pa’, sta chembóste pe tté.

Ndinne. Ché lli fa si ddua e ddua

nón fanne sembe quatte, e lla mégghie

fijura alla mupégna te jabba,

te cavuceja, te mbrétta, e apprésse

vè la pucundrìja... ché lli fa?

Tu nón facenne lu scattevute.

Spija nGele, ti’ a mendë ché dicë:

tutte, pa’, ce chembónne ind’e tté.

 

Scruta il Cielo  

Guarda in cielo, (caro di) papà,

quante stelle ci tengono stasera compagnia

e quanti grilli sorridono a notte fonda

solleticati da questa bella luna.

Tutto, papà, è così disposto per te.

Considera. Che importa se due più due

non farà sempre quattro, e la più affidabile

apparenza oltre ogni limite potrà ingannarti,

tradirti, imbrattarti, e di conseguenza

si ripresenterà la malinconia... che importa?

Tu non smettere di desiderare.

Scruta il Cielo, cogline il messaggio:

tutto, papà, si potrà ricomporre in te.

 

luigi ianzano

Luigi Ianzano vive sul Gargano, dove è nato nel 1975. Maturità classica, laurea in legge, docente di scienze giuridico-economiche. Dopo un primo romanzo giovanile e raccolte di versi in lingua, ha pubblicato in dialetto Taranda mannannera (2005), Come ce mbizza la cèreva (2007) e Spija nGele (2016); ha curato la silloge Fòchera mbétte mestecate (2011). Rilievi critici nell’Antologia curata da Francesco Granatiero, Dal Gargano all’Appennino le voci in dialetto (Sentieri meridiani, Foggia 2012); in Mariantonietta Di Sabato, Da Serrilli a Ianzano: un secolo di poesia garganica (Lunarionuovo 25/2008); in Incroci on linePoesia e dialetti, Periferie. Ha promosso l’Officina letteraria La Putèca fra creativi nel dialetto di San Marco in Lamis.