Giovedì, 17 Giugno 2021 08:18

San Giovanni R., Associazione commercianti: “Ridurre la tassa sui rifiuti”

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

“L’impegno di ridurre la pesante imposizione fiscale preso in campagna elettorale dal sindaco Crisetti è ancora un miraggio. La riduzione di queste imposte deve tornare al centro dell’agenda politica locale, quale miglior auspicio per un ritorno alla normalità”.

“Lunedì 14 giugno, nei locali dei laboratori Artefacendo di San Giovanni Rotondo, si è svolto un incontro promosso da Legambiente e OSEA , con la partecipazione del sindaco Michele Crisetti e dell’assessore Antonio Cafaro, in cui stati illustrati gli importanti obiettivi raggiunti in termini di raccolta differenziata, ma al contempo sono emerse alcune criticità lamentate riguardo all’imposizione fiscale ancora troppo soffocante. Se da un lato, infatti, l’analisi presentata ha edotto la popolazione virtuosa sangiovannese sui traguardi ottenuti grazie al 70% di raccolta differenziata, dall’altro lato, però, lo studio ha evidenziato prevalentemente un’incomprensibile ed esasperata disparità di trattamento tra le utenze domestiche rispetto a quelle delle attività produttive”. Dichiara il presidente dell’ Associazione Commercianti di San Giovanni Rotondo, Damiano Fiore, che lamenta “forme di trattamento ingiustificato perpetrate ai danni della rete dei commercianti della città di San Pio”.

 

“Durante il primo lockdown, nei mesi di Marzo, Aprile e Maggio 2020, in cui le attività hanno chiuso i battenti, si è registrato un calo dei rifiuti dell’8%,segno che questa percentuale debba ricondursi alle sole attività produttive, come risulta dal portale dedicato della Regione Puglia. Inoltre- spiega Fiore- il dato sulla percentuale di ripartizione dei rifiuti relativa all’universo produttivo è pari al 48%, numeri che vanno posti in correlazione con il servizio presso le 1600 attività produttive svolto da 8 persone; a fronte, poi, di una forza lavoro composta da 56 persone che si occupa della raccolta presso le 11.500 utenze domestiche. Fatto ancora più sorprendente se si considera che pure il servizio viene ripartito al 48%. Ma non c’è solo questo. A complicare il difficile quadro dell’iniqua imposizione fiscale vi è la questione del contratto e degli standard ONR, il costo del servizio e del conferimento dei rifiuti in discarica per la collettività che ammontano a circa 5 milioni di euro. Naturalmente va evidenziato il fatto che l’attuale amministrazione ha ereditato tale situazione; a ben vedere, infatti, l’allora TARES applicata dalla giunta Pompilio riferita alle attività produttive era pari al 55% sul totale dei costi, salvo poi essere ridotta al 48% dal Commissario Prefettizio. A titolo di esempio, in quel periodo, un albergo di 1000 metri quadri a Belluno pagava 1.000 euro di tasse per i rifiuti, mentre a San Giovanni Rotondo un albergo delle stesse dimensioni ne pagava 10.000. La città di San Pio è al primo posto per la tassazione delle attività produttive- aggiunge il presidente Fiore- perché oltre all’attuale TARI si aggiunge l’IMU applicata con la tariffa massima e l’addizionale IRPEF comunale allo 0,50%. L’impegno di ridurre la pesante imposizione fiscale preso in campagna elettorale dal sindaco Crisetti è ancora un miraggio. La riduzione di queste imposte deve tornare al centro dell’agenda politica locale, quale miglior auspicio per un ritorno alla normalità e per attrarre investimenti a San Giovanni Rotondo dove, specialmente negli ultimi anni, il sistema produttivo ha sempre fatto la sua parte”.Conclude.

 

pubblicità3

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”