Lunedì, 18 Gennaio 2021 11:34

Parco del Gargano, Faro in risposta ad una intervista a Pazienza: “Da che pulpito viene la predica”

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

In un lungo post pubblicato sui social la parlamentare del M5s risponde ad una intervista al presidente del Parco del Gargano, Pasquale Pazienza, Faro non ha gradito alcune considerazioni e riferimenti al MoVimento.

 

“Ieri è stata pubblicata una intervista al presidente del Parco Nazionale del Gargano, ad una prima lettura mi verrebbe da esclamare: da che pulpito viene la predica! Nell’intervista, il presidente non si preoccupa degli “ambientaloidi” (come li definisce lui) e giudica i 5 stelle carenti nell’approfondimento dei temi e nei rapporti politico istituzionali, elargendo, infine, sprazzi di una visione (solo la sua) di sviluppo dell’Ente, che al momento ha presente solo nella sua testa”. Si legge nel post della parlamentare del Movimento 5 Stelle, Marialuisa Faro.

 

Il riferimento è ad una intervista pubblicata ieri, domenica 17 gennaio, dal portale di informazione Foggia Today al presidente dell'Ente Pasquale Pazienza (Il Gargano secondo Pazienza).

 

“Gli Ambientaloidi, per quanto mi sia ritrovata anche io in mezzo ai giudizi degli ambientalisti, riguardo la ss693, l’atteggiamento che ho avuto nei loro confronti, è stato quello di avviare un dialogo per collaborare insieme quanto, invece, al presidente del Parco, l’atteggiamento nei loro confronti è stato di completa chiusura e prevenzione, già a partire dalle prime dichiarazioni, dove li definiva ambientaloidi. Se si cerca collaborazione, non è proprio una bella presentazione.Mi chiedo, quindi, siamo davvero noi quelli con scarse capacità politico -istituzionali?- Continua Faro. Cosa intende il presidente per rapporti politico - istituzionali? Di sicuro, ci ricordiamo uno squisito pranzo sul trabucco a Peschici, al quale è velocemente accorso per “dovere istituzionale” , invece di presenziare alla commemorazione dei fratelli Luciani. Eh già, quello sarebbe stato un bel segnale di correttezza politico - istituzionale nei confronti del suo territorio e avrebbe dato un forte segnale sul tipo di approccio che voleva usare per la gestione dell’ente appena consegnatogli. Mi preme anche ricordare che nei primi giorni del suo incarico la prima forza politica che ha mostrato apertamente la voglia di collaborare è stato proprio il M5S, infatti, ci fu un incontro con tutti i portavoce, a tutti i livelli, dove ci mettemmo a disposizione per contribuire ad una buona politica di gestione del Parco, che avrebbe dovuto coinvolgere l’intero territorio. Dunque, educazione “politico - istituzionale” vorrebbe che, se il Presidente chiede collaborazione ai rappresentanti del Territorio, si presuppone che questi ultimi vengano coinvolti nelle decisioni, con questo non dico che si voleva influenzare le sue decisioni, ma quantomeno, se auspicava un nostro sostegno, avrebbe dovuto conoscere e chiedere, almeno, il nostro punto di vista. Non è che si può prendere per oro colato tutto ciò che vuole fare. Quindi, anche qui, mi chiedo la scarsa capacità di approfondimento di cui ci accusa , prevedeva di accettare “senza approfondire” tutte le sue decisioni, senza se e senza ma?

 

Continuo e concludo dicendo che sapevamo sarebbe stato difficile cambiare faccia a questo Ente e sapevamo che alcuni soggetti componenti del Parco avrebbero taciuto pur di non perdere la funzione principale avuta fino oggi dall’Ente, ovvero un vero e proprio bancomat per pochi fortunati, ma noi non ci arrendiamo e non ci fermeremo di certo davanti a questo modo di fare. Ci saremmo aspettati di più da un accademico con il suo curriculum, ma bisogna fare, poi, i conti con la vera natura delle persone, che il curriculum purtroppo non rivela”.Conclude la parlamentare penta stellata.

 

pubblicità3

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”