Lunedì, 23 Novembre 2020 15:43

Covid, Casanova (Lega): "Subito misure compensative per Casa Sollievo della Sofferenza"

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)
In piccol l'europarlamentare Massimo Casanova (Lega) In piccol l'europarlamentare Massimo Casanova (Lega)

“Si rischia beffa di Stato” – dichiara l’europarlamentare che chiede misure per l’ospedale di San Giovanni Rotondo e per le strutture ospedaliere non pubbliche.

“Grande è il lavoro che, con spirito di abnegazione ed eccezionale solidarietà umana, l’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza sta portando avanti sul territorio della provincia di Foggia per fronteggiare l’emergenza Covid e garantire il diritto alle cure di ogni cittadino. Confermano le immagini di qualche giorno fa quando una lunga coda di ambulanze ha costretto gli operatori sanitari ad occuparsi degli ammalati negli automezzi stessi, avendo il Pronto Soccorso raggiunto la soglia di saturazione. Si tratta, com’è evidente, di un impegno straordinario di struttura e personale, al quale è più che mai urgente e necessario facciano da contraltare politiche di sostegno da parte del Governo e della Regione Puglia al fine di mettere al riparo un patrimonio prezioso del panorama scientifico e sanitario nazionale dalle inevitabili conseguenze economiche che un simile fardello rischia di comportare”.

 

E’ l’appello dell’europarlamentare pugliese della Lega Massimo Casanova, che invita a porre l’attenzione sugli effetti che la pandemia rischia di avere sul nosocomio San Giovanni Rotondo.

“E’ il caso di ricordare, infatti – sottolinea l’europarlamentare –, che la classificazione della struttura ospedaliera in centro Covid, con tutto ciò che questo comporta in termini di sospensione fino a nuovo ordine delle prestazioni ambulatoriali altre e dei ricoveri ‘non urgenti’, ha ristretto, e di molto, la capienza dell’ospedale garganico, da sempre punto di riferimento medico di un bacino amplissimo di utenza locale ed extraregionale. Basti pensare che da una media di 800 ricoveri al giorno dei periodi ante Covid si è drasticamente passati ai circa 500 attuali (di cui 170 per Covid), con una flessione di quasi 1/3 rispetto ai periodi ordinari, frutto della inevitabile riorganizzazione logistica e medica a cui la struttura ha dovuto sottoporsi per far fronte all’emergenza. Numeri che, è chiaro, rischiano di essere incompatibili con una gestione economico-finanziaria che si regge per buona parte sugli introiti derivanti dai tickets per prestazioni specialistiche ordinarie e che, pertanto, se non adeguatamente ristorati, rischiano di avere nefasti effetti sul quadro gestionale del nosocomio e sulla sostenibilità dell’impegno economico che una forza lavoro di circa 3mila dipendenti comporta per i bilanci della struttura”.

 

“E’ consapevole la Regione Puglia dell’immane pressione a cui si sta sottoponendo Casa Sollievo? E, in tal caso, quali misure pensa di mettere in atto per compensare gli squilibri finanziari che rischiano di abbattersi sull’ospedale garganico e sui suoi livelli occupazionali per effetto delle succitate restrizioni? Val la pena evidenziare lo sforzo encomiabile che l’Istituto ecclesiastico sta profondendo al servizio della comunità in un momento di eccezionale gravità per il Paese. Ciononostante gli operatori restano ancora in attesa dei tanto sbandierati “premi Covid”, fermi al palo nonostante le promosse di Emiliano e di Conte. E’ tempo che ai maggiori sforzi richiesti alla nostra comunità medico-scientifica la politica risponda con sforzi altrettanti concreti ed immediati. E’ pertanto dovere del Governo e della Regione immaginare misure di ristoro del danno patito al fine di scongiurare effetti nefasti dai risvolti incalcolabili per la tenuta dei livelli occupazionali”.

 

“La vicenda è paradigmatica dei rischi a cui sono esposte tutte le strutture ospedaliere Covid a regime non pubblico in Italia, il cui sforzo in questo particolare momento storico deve essere tenuto in debita considerazione al fine di preservarle da destini che suonerebbero per i nostri operatori sanitari come una beffa di Stato”, conclude l’europarlamentare.

 

pubblicità3

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”