Lunedì, 17 Maggio 2021 12:16

Salvatore Villani ricorda Domenico Corigliano, Il compositore di Rignano Garganico

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il legame tra un artista e la propria terra si testimonia in diversi modi, anche ricordando i personaggi celebri che le appartengono. E così che il musicista ed etnomusicologo Salvatore Villani ricorda Domenico Corigliano.

Domenico Corigliano è un compositore nato a Rignano Garganico, vissuto a cavallo tra XVIII e XIX secolo ed affermato in Italia ed Europa. A lui l'etnomusicologo dedica l'album Domenico Corigliano (1771-1838) Cantatine, Ariette, Duetti, che propone alcune tra le più apprezzate composizioni del musicista.

 

Realizzato da Villani con il sostegno di Centro Studi Tradizioni Pugliesi e della Regione Puglia, il progetto gode di illustri partner e patrocini, e vede la partecipazione accanto al curatore dei Maestri Paola Quagliata, Antonello Cannavale, Matteo Fania, Victor Manuel Pérez Dìaz, Francesco Colucci, Giuseppe Fanelli.

 

Di famiglia nobile, dopo l'infanzia trascorsa con tutta probabilità nella città natia, ad 11 anni Corigliano si sposta a Napoli per studiare presso il Collegio dei Nobili – qui riceverà anche la sua prima formazione musicale, che svilupperà nel tempo studiando le tecniche compositive delle opere dei più importanti maestri napoletani del Settecento - sarà proprio Napoli la città in cui dimostrerà le sue qualità e che concorrerà alla sua affermazione.

Inizia così a comporre sonate ed arie da camera, riscuotendo vasto successo nei salotti napoletani dell'epoca – si distinguerà la romanza “La rosa”.

Del 1811-1813 quindici cantatine composte per soprano e pianoforte su testi del Metastasio, pubblicate nella COLLEZIONE COMPLETA / QUINDICI CANTATINE PER SOPRANO.

 

Nel 1815, col ripristinato governo dei Borbone, Corigliano viene eletto membro della Real Deputazione dei Teatri e degli Spettacoli, importante carica che detiene per cinque anni, entrano in contatto molto presumibilmente con i più celebri compositori dell'epoca, come Mayr, Mercadante, Rossini, Doninzetti, e realizzando riduzioni di importanti opere rappresentate a Napoli.

 

Gli anni della maturità artistica del compositore garganico portano alle composizioni: “L'Isola disabitata” su testo di Metastasio; Dodici ariette per soprano e pianoforte e Dodici Duettini per soprano, tenore e pianoforte, pubblicate nel 1817 a Parigi, presso Carlì; La Lira Sentimentale, collezione di 36 ariette scelte, per soprano e pianoforte, pubblicata a Napoli per Girard tra il 1817 e il 1827.

 

Il tema amoroso prevale e molte opere sono dedicate alle nobildonne dell'epoca, come ad amici e compositori.Tra il 1824 e il 1825 sue composizioni sono pubblicate accanto a quelle di Rossini, Donizetti, Crescentini, Pacini ed altri, nei “Passatempi musicali”. Nello stesso periodo diviene socio onorario dell'unione Filarmica di Bergamo e corrispondente all'Accademia Filarmonica di Palermo. Nel 1827 diviene governatore del conservatorio San Pietro a Majella, salvo dimettersi poco dopo.

 

Intanto la sua fama cresce e Corigliano viene citato da alcune tra le più importanti riviste musicali europee. Del 1832 la pubblicazione de “Un abecedario amoroso”, e dell'anno successivo l'incontro con il celebre musicista Aiblinger, interessato alle sue composizioni. Gli anni che seguiranno saranno difficili, visto l'affacciarsi di una malattia che stenterà a curare, condizione che però non minerà la sua attività creativa; si intensificherà anche l'intesa con Donizetti. Da ricordare il suo legame di famiglia con la città di Lucera. Domenico Corigliano muore a Napoli il 22 febbraio 1838. Lascerà per testamento ai monaci benedettini dell'Abazia di Montecassino tutte le sue opere, circa 722: sarà ricordato dai religiosi con una lapide ed epigrafe dedicata.

 

pubblicità3

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”