Lunedì, 22 Febbraio 2021 11:10

Bambini insultati e strattonati in una scuola materna di Mattinata, nei guai maestra

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

La vicenda viene alla luce alla fine del 2018, allorquando il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo racconta ai Carabinieri di aver ricevuto delle segnalazioni da parte di alcuni genitori allarmati dalle confidenze e dal comportamento dei propri loro figli che frequentavano la Scuola Materna “Giorgi”.

 

I fatti, accertati dai Carabinieri della Stazione di Mattinata, coordinati dalla Procura della Repubblica di Foggia, hanno portato all’emissione e alla notifica nei giorni scorsi all’indagata dell’Ordinanza emessa dal Tribunale del Riesame di Bari, con la quale è stata disposta la misura interdittiva del divieto temporaneo di esercitare la professione di insegnante e di educatore socio pedagogico per la durata di 12 mesi nei confronti della maestra M.L., 47enne, dell’Istituto Comprensivo Statale di Mattinata, ritenuta responsabile di aver abitualmente maltrattato minori di età compresa tra i 2 e 5 anni che frequentavano la scuola materna, ed a lei affidati per ragioni di educazione, istruzione e custodia.

 

La vicenda viene alla luce alla fine del 2018, allorquando il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo racconta ai Carabinieri di aver ricevuto delle segnalazioni da parte di alcuni genitori allarmati dalle confidenze e dal comportamento dei propri loro figli che frequentavano la Scuola Materna “Giorgi”. In particolare, la dirigente riferiva di aver appreso che i genitori di una bambina avevano chiesto conto e spiegazione della presenza di un livido sulla natica della loro figlia.

 

Da lì sono scattate le indagini dei Carabinieri, che grazie alle intercettazioni ambientali audio video hanno documentato, senza dubbio alcuno, che la maestra aggrediva sistematicamente i bambini, offendendoli, ingiuriandoli e strattonandoli, rivolgendosi a loro in modo minaccioso e incontrollato, comportamento tale da renderne mortificante la permanenza a scuola, al punto di ridurre gli stessi in uno stato di paura e soggezione psicologica.

 

Le frasi proferite dalla donna ed ascoltate dai Carabinieri nei filmati sono agghiaccianti:Fannullone e maiale”, “pazzo”, “cretino”, “scimunita”, “cretina patentata”, “deficiente”, “animale”, “bestia”.

 

Nel rimproverarli, l’insegnante, più volte si è lasciata andare ad altre pesanti volgarità: “vai a fare la pipì, vai e buttati nel gabinetto”, “ti faccio la mano lividi lividi, si oggi ti devo fare vedere io. Ti do due schiaffoni che ti faccio volare stamattina”. E ancora: “Non ce la fai a stare col culetto sulla sedia, ti faccio una faccia che non puoi vedere”. Il tutto spesso accompagnato da strattoni, spinte, schiaffi, calci e lancio di oggetti – una bottiglietta d’acqua in particolare.

 

Copia dell’ordinanza emessa e notificata alla maestra, è stata notificata anche agli organi competenti a disporre l’interdizione in via ordinaria: all’Ufficio Scolastico Territoriale di Foggia e all’Ufficio Scolastico di Regionale di BariL’indagata, pertanto, non potrà prestare più la sua professione per almeno 12 mesi.

 

 

pubblicitàok

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”