Martedì, 01 Dicembre 2020 10:01

Vico del Gargano, Covid a scuola e nessuna informazione: il caso arriva in Regione

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il caso riguardava solo due classi, ma la petizione è stata firmata già da 470 persone, si va verso un’interrogazione in Consiglio regionale rivolta agli assessori Leo e Lopalco I genitori: “Vogliamo solo sia fatta chiarezza e che quanto accaduto non si ripeta”.

Nonostante riguardasse direttamente soltanto due classi della scuola materna, alla petizione promossa dai genitori degli alunni dell’Istituto Scolastico Manicone-Fiorentino di Vico del Gargano, in pochi giorni, hanno aderito già 470 persone.

La richiesta dei genitori è semplice: fare luce sul perché siano stati avvisati dei casi di contagio delle due maestre soltanto dopo circa 10 giorni dall’accertamento delle positività. Un ritardo che ha avuto una conseguenza molto concreta: essendo ignari di quanto accaduto, le famiglie hanno continuato a portare i propri figli a scuola, convinte del fatto che non ci fosse stato alcun caso di contagio nelle due classi interessate. La petizione, che può essere consultata e firmata da tutti al link  si appresta dunque a tagliare il prossimo traguardo delle 500 adesioni. Nel frattempo, il “caso Vico del Gargano” potrebbe presto approdare al Consiglio Regionale della Puglia, dove con buona probabilità diverrà oggetto di un’interrogazione da rivolgere all’assessore alla Scuola Sebastiano Leo e all’assessore alla Sanità Pier Luigi Lopalco. “Noi vogliamo che sia fatta piena luce su quanto accaduto e che siano individuate le eventuali responsabilità di chicchessia, qualora ve ne fossero, in modo che non si ripetano più episodi come quello verificatosi”. La petizione è accompagnata da ben tre pagine di commenti pubblicati dai firmatari. “Sto firmando perché da genitore ho il diritto di essere informata sulla situazione contagi Covid nella scuola che frequenta mia figlia”, ha scritto una mamma che firma indicando nome e cognome. “Mia figlia ha avuto contatti con maestre positive e non siamo state informate”, ha commentato un altro genitore. “Vorrei sapere se qualcuno ha sbagliato e ha messo in pericolo i frequentatori delle scuole materne e tutti coloro che sono venuti a contatto”, ha aggiunto un papà.

 

I FATTI

Alla fine di ottobre, non essendo stati informati da nessuno riguardo alla positività al COVID-19 di due insegnanti, e quindi del tutto ignari del pericolo che quei casi potevano rappresentare, i genitori hanno continuato a portare a scuola i propri figli. Soltanto molti giorni dopo che quei casi erano stati accertati, gli stessi genitori hanno saputo di quei casi di positività (esattamente l’11 novembre 2020) a seguito di alcune telefonate da parte di un dipendente della Asl di San Severo, il quale chiedeva alle ignare famiglie come stesse procedendo la quarantena dei loro figli venuti a contatto con le insegnanti contagiate.

 

LETTERA A EMILIANO E ALLA MINISTRA AZZOLINA

La petizione è stata inviata anche al ministro della Pubblica Istruzione Lucia Azzolina, al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, all’assessore regionale alla Scuola Sebastiano Leo, al Prefetto di Foggia e all’Ufficio scolastico regionale-Ambito territoriale di Foggia. “Riteniamo che quanto successo all’interno del plesso scolastico Fiorentino abbia messo in serio pericolo tutti i bambini, potenzialmente ‘vettori’ e origine di un possibile focolaio, e l’intera Comunità”, hanno spiegato i genitori nella lettera aperta che illustra i motivi della petizione. “È inutile nasconderlo, siamo profondamente scossi e sfiduciati. Vogliamo ricordare, ancora una volta, che si è consentito che diversi bambini, anziché osservare il periodo di quarantena, continuassero a frequentarla, mettendo a rischio un’intera comunità. Noi chiediamo solo che sia fatta piena luce su quanto è successo e che vengano accertate le eventuali responsabilità di chicchessia. Siamo cittadini italiani e crediamo nella legge e nelle Istituzioni di questo Stato. Il presente comunicato/appello è rivolto al Ministro dell’Istruzione, all’On.le Prefetto della provincia di Foggia, al Presidente della Regione Puglia, all’Assessore regionale alla salute, all’Assessore regionale all’Istruzione, all’Ufficio scolastico  regionale e al direttore generale della ASL di Foggia, affinché predispongano gli opportuni accertamenti e adottino gli eventuali necessari provvedimenti. Il contenuto di tale documento viene interamente condiviso anche da altri genitori di figli non direttamente coinvolti, ma ugualmente frequentanti l’I.C. “Manicone – Fiorentino”, affinché si faccia chiarezza sui gravi episodi accaduti”.

 

pubblicità3

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”