Mercoledì, 03 Giugno 2020 14:43

San Giovanni R.: monitoraggio inquinamento, i dati di ARPA, Legambiente chiede la chiusura di Piazza Europa

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il laboratorio mobile di ARPA Puglia Il laboratorio mobile di ARPA Puglia

Pubblichiamo in esclusiva i dati del monitoraggio dell'aria a San Giovanni Rotondo effettuati da ARPA Puglia, “Il benzene presenta valori non trascurabili soprattutto nelle ore serali", dice ARPA, Legambiente invia una lettera al sindaco Crisetti.

Dal 22 febbraio al 6 aprile il laboratorio mobile di ARPA Puglia, della Regione, ha monitorato l’aria di San Giovanni Rotondo. Il laboratorio mobile è dotato di analizzatori automatici per il campionamento e la misura in continuo degli inquinanti chimici individuati dalla normativa vigente in materia, ovvero particolato, ossidi di azoto, ozono, benzene e biossido di zolfo. Il laboratorio permette anche il monitoraggio dei parametri metereologici (vento, umidità ecc.). I valori limite sono stati superati, secondo il monitoraggio, il 29 e il 30 marzo per cause metereologiche che non sono strettamente legate all’inquinamento cittadino. Inoltre è possibile, attraverso i dati, avere un quadro della situazione che delinea una differenza notevole tra l’ordinario e le restrizioni legate all’emergenza Coronavirus, in modo particolare per la chiusura delle scuole e per la mobilità automobilistica serale.

 

“Il benzene presenta valori non trascurabili soprattutto nelle ore serali- scrivono i tecnici ARPA nella relazione finale. Tale dato è verosimilmente dovuto all’utilizzo della combustione di biomassa domestica per il riscaldamento, vista l’assenza della sorgente traffico e delle temperature basse. Il confronto tra le concentrazioni pre e post misure restrittive ha evidenziato la forte influenza del traffico veicolare sulle concentrazioni di N02 e benzene, che hanno subito un notevole decremento dopo il 9 marzo. Inoltre le rose dell’inquinamento pre e post misure, sia N02 e benzene, hanno mostrato una diversa direzione di provenienza degli inquinanti, con un maggiore apporto dal centro storico nella seconda fase”.

 

Secondo il circolo locale di Legambiente è chiaro che i dati dimostrano, fondamentalmente, due cose: «che il traffico cittadino, in modo particolare quello di Piazza Europa e nel periodo serale, incide notevolmente sulla qualità dell’aria della città e che stufe e camini del centro storico rappresentano un ulteriore problema su cui cercare soluzioni e valide alternative». Ci spiega Antonio Tortorelli, presidente di Legambiente.

 

Il circolo di Legambiente ha protocollato una richiesta a Palazzo San Francesco in cui si chiede di intervenire con la chiusura serale al traffico di Piazza Europa, l’istituzione delle domeniche a piedi e un impegno per la riduzione dell’emissione di fattori inquinanti legati all’utilizzo di biomassa domestica non propriamente adatta alla combustione come legna verniciata, pellets di scarsa qualità.

 

«Nonostante il monitoraggio sia stato condizionato dalle complicazioni dovute al blocco dei decreti anti-Covid,ha permesso di identificare distintamente le due componenti che incidono sulle condizioni di inquinamento urbano, come più volte denunciato dalla campagna Mal'Aria di Legambiente. Adesso auspichiamo che l’amministrazione tenga in considerazione questi dati e le nostre richieste utili a migliorare la qualità dell'aria della nostra città ». Conclude Tortorelli.

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”