Martedì, 21 Maggio 2019 16:22

A San Nicandro Garganico, “Donna, Terra e Cibo” per una nuova alleanza

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

Giovedì 23 maggio, dibattito e proiezione del film-documentario “In questo mondo”. Tavola rotonda sull’alimentazione etica alla presenza dell’assessore Loredana Capone

“Donna, Terra, Cibo: le fondamenta di un’alleanza”: è questo il titolo dell’iniziativa che si terrà a San Nicandro Garganico, giovedì 23 maggio 2019, alle ore 16. A Palazzo Fioritto, sarà proiettato “In questo mondo”, premiato come miglior documentario al Torino Film Festival. In primo piano, il tema della alimentazione etica e sana, contro lo sfruttamento dei IN QUESTO MONDOlavoratori. L’iniziativa è organizzata dallo SPI Cgil, il sindacato dei Pensionati Italiani.Interverranno il sindaco di San Nicandro Garganico, Costantino Ciavarella; l’autrice, filmaker ed esperta di paesaggio rurale e tematiche socio-culturali, Anna Kauber; l’assessore all’Industria Turistica della Regione Puglia, Loredana Capone; la nutrizionista biologa Mariateresa Sammartino; la segretaria SPI Cgil Puglia Filomena Principale; l’imprenditore agricolo Matteo Vocale della Bio Masseria Vocale. L’evento è parte del progetto “Mi cibo da mani libere”.
Il film documentario che sarà proiettato è un viaggio alla scoperta di un mondo reale ma insolito, quello delle donne pastore. Sono donne, lavoratrici, custodi di un paesaggio umano e lavorativo più unico che raro, dove ancora l’interazione tra essere umano, animali e natura crea qualcosa di autentico. Il viaggio descritto dal film “In questo mondo” è un itinerario che parte dalle Alpi e giunge tra i boschi e i fiori dell’Aspromonte. “Mi cibo da mani libere” è una campagna d’informazione itinerante per promuovere un nuovo sistema dell’alimentazione, al centro del quale ci sono le donne e gli uomini, il lavoro equamente retribuito e sicuro, il giusto prezzo per la coltivazione e la trasformazione di prodotti salubri ed etici. Agrumi, pomodori, angurie, ortaggi e frutta sono tra le eccellenze produttive pugliesi.Spesso sono prodotti e raccolti sfruttando la manodopera. Coltivare e raccogliere nei campi è un lavoro durissimo. Lavoro nero, sottopagato, sfruttamento e caporalato sono un fenomeno, un vero e proprio sistema, che riguarda lavoratori italiani e stranieri. “Mi cibo da mani libere”sostiene un modello di produzione che liberi dallo sfruttamento lavoratrici e lavoratori.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”