Lunedì, 13 Maggio 2019 17:47

Ospedali Riuniti, prima struttura pubblica del Sud ad aver introdotto l’esoscheletro robotizzato EKSO

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(1 Vota)

La sezione di Medicina Fisica e Riabilitativa del Policlinico di Foggia è l’unica struttura pubblica del sud Italia ad aver introdotto l’esoscheletro robotizzato EKSO a supporto dei percorsi riabilitativi tradizionali

L’Azienda Ospedaliero Universitaria “Ospedali Riuniti” di Foggia è al momento l’unica struttura pubblica del sud Italia ad aver introdotto i sistemi robotizzati, come l’esoscheletro, a supporto ed integrazione dei percorsi riabilitativi tradizionali per il potenziamento del recupero neuromotorio della fase sub-acuta di alcune patologie come l’ ictus cerebrale e le mielolesioni.

Il robot in questione è lo stesso grazie al quale una ragazzina di 16 anni, costretta dalla nascita in sedia a rotelle, ha realizzato il suo sogno più grande: mettersi in piedi e camminare, come documentato di recente dal programma “Le Iene”.

“Così come negli esiti di paralisi cerebrali infantili, come nel caso di Alice, l’utilizzo di EKSO consente di re-impostare movimenti degli arti inferiori che per lesioni tipo ictus o midollari possono essere alterati o impossibili da eseguire, consentendo una verticalizzazione precoce e sicura così come una ri-attivazione muscolare e articolare con esercizi ripetitivi finalizzati alla riprogrammazione del ciclo del passo. Un set di motori permette il movimento delle articolazioni dell'anca e del ginocchio, tutti i parametri dell'andatura e delle caratteristiche del passo sono completamente personalizzabili e programmabili mediante l'uso di un controller esterno” - ha annunciato il Andrea Santamato, medico universitario della Struttura di Medicina Fisica e Riabilitativa a direzione universitaria del Policlinico “Ospedali Riuniti” di Foggia, diretta da Maurizio Ranieri.

Dati preliminari risalenti a studi recenti dimostrano che non solo migliora la simmetria e l’allineamento durante il cammino ma, specialmente nelle forme più severe di compromissione neuromotoria, riduce gli edemi declivi, favorisce la regolarizzazione dell’alvo e la qualità del sonno, riattiva il sistema cardiovascolare, migliora la qualità della vita anche in assenza di miglioramenti degli item motori prevedendo le conseguenze dell’immobilità quali osteoporosi e retrazioni tendinee.

“EKSO, distribuito dalla genovese Emac e figlio delle ricerche della californiana Ekso Bionics di Richmond, è infatti attualmente in uso esclusivamente per i pazienti ricoverati provenienti soprattutto dai reparti di Neurologia degli “Ospedali Riuniti” di Foggia e da altre strutture ospedaliere dopo una fase acuta” ha continuato il porfessor Andrea Santamato.

“Stiamo sviluppando un servizio che dovrebbe attivarsi entro fine anno che consentirà all’utenza di essere sottoposta a training riabilitativi intensivi anche non da ricoverati, fruibile pertanto anche per pazienti provenienti dal proprio domicilio affetti da patologie che necessitano di una riabilitazione del cammino” ha concluso il dg del Policlinico di Foggia  Vitangelo Dattoli.

chiumento orizzontale

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”