Giovedì, 07 Dicembre 2017 08:55

Rignano Garganico: concerto-conferenza su Corigliano, storia di un musicista

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Domani, venerdì 8 dicembre, nella chiesa Matrice di Rignano Garganico, il Centro Studi Tradizioni Pugliesi, propone un concerto-conferenza su Domenico Corigliano, il compositore rignanese del XVIII secolo

Domenico Corigliano fu un compositore dilettante, nel senso che non fu un musicista di mestiere, essendo figlio del marchese Vincenzo e Cavaliere di Malta, ma la sua passione, iniziata nel collegio dei nobili a Napoli dove era stato mandato a studiare, lo spingerà a dedicarsi totalmente allo studio della musica approfondendo le tecniche compositive dei più eminenti maestri napoletani come Pergolesi, Jommelli e Durante. Produrrà soprattutto arie da camera, che riscontreranno un discretocorigliano1 successo presso i salotti musicali della media ed alta borghesia partenopea, tanto da convincere il re Ferdinando I a nominarlo per cinque anni membro della Real Deputazione degli Spettacoli, mentre Francesco I lo designa come successore di de’ Rogatis a governatore del conservatorio San Pietro a Majella.

Le sue 722 composizioni musicali, lasciate per testamento unitamente all’autografo dello Stabat Mater di Pergolesi all’Abbazia di Montecassino, sono state pubblicate con i più importanti editori dell’epoca: Girard, Tramater, Carli e Ricordi.

Da oltre 30 anni il Centro Studi Tradizioni Pugliesi, si dedica alla ricerca e alla riscoperta del compositore rignanese, dedicandogli conferenze e concerti, ultimo dei quali intitolato “La Puglia, tra tradizione orale e tradizione colta: memoria, oblio e riscoperta” del prossimo 8 dicembre, alle ore 19, presso la Chiesa Matrice di Rignano Garganico.

Dopo i saluti delle autorità, si esibiranno in cantatine e duetti di Corigliano su testi di Metastasio, il soprano Paola Quagliata, che debutta a soli 22 anni, esibendosi in numerosi teatri italiani nel repertorio belcantistico; il tenore Salvatore Villani, cantante, storico, compositore, musicologo, musicista ed etnomusicologo, nonché direttore artistico dell’evento e Presidente del Centro Studi. Ad accompagnare i due cantanti, il pianista Claudio Cirelli, di fama internazionale, che svolge attività concertistica in ambito lirico e corale. Il progetto gode del patrocinio di Regione Puglia, Parco Nazionale del Gargano, Comune di Rignano Garganico, Parrocchia Maria SS Assunta, BCC San Giovanni Rotondo, Consorzio Pro Loco del Gargano, Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in congedo Rignano Garganico e dell’azienda agricola La Masseriola di Rignano Garganico.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”