Domenica, 28 Febbraio 2016 17:20

Poesia & Gargano

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

Quinta  poesia della rubrica Poesia & Gargano. Pubblichiamo a scadenza regolare una poesia di un autore nato nel Gargano o che abbia avuto modo di transitare, soggiornare e conoscere il Gargano. In tal modo si intende rendere non un semplice omaggio alla nostra terra, portare l'attenzione sul modo di guardare questo pianeta, e ogni suo luogo, per abitare poeticamente il mondo, e farlo nostro.

 

SALVATORE RITROVATO

LA TERRA

Il tempo che copre queste cime fa come un manto

di leggero muschio e oblio, lascia segni

radi ma caldi alle doline, in prati

dove il mare spira odore di sotterranei paesaggi.

 

Qui la terra decaduta ancora cade in perenne

permuta con un giardino di mele,

cede alle minacce, spinge, svelle

da sé non fiori ma avide primavere

ne spegne il seme nel ventre e nelle vene

allagate di rare passioni, lo perde.

 

La terra insegna alla mia mano, alla mia mente

suoi ostaggi a muoversi lentamente

all’occhio a notare differenze insperate

lontane dal suo cervello

all’orecchio le parole cadute sotto torri

di pietre e abbandonate radure

al corpo l’opportunità di comprendere

anno per anno quello che non fu, non era

un transito di voli ma un passaggio al confine

tra me e l’inverno, il silenzio e niente.

 

(da Come chi non torna, Raffaelli, Rimini 2008)

 

salvatore 2 bis 3 picola1

Salvatore Ritrovato (San Giovanni Rotondo, 1967), si è formato nelle università di Urbino, Lovanio e Bologna, e insegna letteratura italiana presso l’Università di Urbino. Si occupa di letteratura del Cinque e Seicento e del Novecento (Caproni, Calvino, Saba, Rosselli, Erba, Carlo Levi, Volponi), con particolare attenzione alla ricerca poetica contemporanea. Collabora e scrive per varie riviste («Pelagos», «incroci», «Poesia», «Atelier», «Clandestino»). Ha pubblicato due raccolte di poesie: Quanta vita (Book, Castelmaggiore 1997) e Via della pesa (Book, Castelmaggiore 2003); e due plaquettes di imitazioni da Asclepiade (Le-vante, Bari 2000) e da Prévert (Cartotecnica, Venezia 2002). Altre poesie sono uscite su riviste e antologie, anche tradotte all’estero (Spagna, Belgio). Di recen-te, ha curato l’antologia tematica di poesia Dentro il paesaggio. Poeti e natura (Zanzotto, Guerra, Orelli, Piersanti, Bacchini, Conte, Pusterla, Damiani, Ceni, Aned-da, Gibellini), Archinto, Milano 2006.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

pubblicita elezioni

 

Giuseppe Limosani Il Maestro Partigiano