Mercoledì, 27 Gennaio 2016 11:38

Karim Franceschi, Il Combattente

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)

Il primo italiano ad aver preso parte alla Resistenza in Siria. Il suo nome di battaglia è Marcello. “Heval Marcello”, l’unico italiano a combattere a fianco dei curdi per la libertà

La guerra è una brutta storia. L’ISIS è una brutta storia. Le immagini di prigionieri in tuta arancione, decapitati o arsi vivi per mano dei terroristi, di Ailan, il bimbo siriano con il corpicino riverso sulla spiaggia, delle migliaia di profughi stipati sui gommoni per sfuggire all’orrore, rimbalzano di telegiornale in talk show ad ogni ora del giorno, davanti i nostri occhi. Ma basta un clic e tutto scompare.

La guerra è una brutta storia, ma è lontana dal nostro mondo e non ci appartiene. Eppure siamo campioni nell’adattare l’immagine profilo per solidarietà al popolo francese (giusto) e a condividere link, confondendo in maniera vergognosa terrorismo e religione, credendoci “portatori sani” di giustizia, libertà e diritti.

Settant’anni fa la nostra Italia è stata teatro della Seconda Guerra mondiale, ma evidentemente settant’anni sono un lasso di tempo lunghissimo, tanto da dimenticare gli orrori e gli insegnamenti. Karim Franceschi, no. Nato a akarimMarrakech, ventisette anni fa, Karim è cresciuto con i racconti di suo padre, Primo Franceschi, che, appena adolescente divenne partigiano. “Era l’unica cosa da fare” raccontava a suo figlio. Quando Karim ha sette anni si trasferiscono in Italia, a Senigallia, a causa di un peggioramento dello stato di salute di Primo, che morirà pochi anni dopo.

Karim cresce conservando gli ideali di suo padre, sa di essere un rivoluzionario. Nel 2014, con il progetto Rojava calling, la carovana di aiuti umanitari organizzata dai centri sociali italiani, arriva a Suruc, a sud della Turchia. Kobane la vede all’orizzonte, è vicina ma è impossibile andarci, su di lei sventola l’orrida bandiera del Califfato.

A Suruc , una sera, avverte un lamento doloroso: in un campo poco lontano, una trentina di persone, erano sedute attorno ad un fuoco; cantavano canzoni popolari curde e si tenevano per mano. “Cantavano perché era l’unico modo per comunicare con chi era rimasto a Kobane, per ricordare a tutti che erano un unico grande popolo.”

Kobane è uno dei tre cantoni, insieme a Jazira e Afrin, del Rojava, la regione settentrionale della Siria, dove si stava cercando di costruire una società basata sui principi di democrazia, uguaglianza di genere e sostenibilità. Kobane è più di un simbolo, è l’ultimo baluardo della libertà. Uomini, donne e ragazzini, arruolati nel movimento indipendentista curdo Yekîneyên Parastina Gel (YPG), combattono senza sosta contro le milizie del Califfato, che nell’ottobre del 2014 ha conquistato l’80% dell’area urbana.

A gennaio, con una calza della befana come dono per i bambini, Karim entra a Kobane per arruolarsi nelle milizie dell’YPG, con il nome di battaglia, Marcello. “Heval Marcello”, l’unico italiano a combattere a fianco dei curdi per la libertà.

Con appena quattro giorni di addestramento, Karim prenderà parte in prima linea nei combattimenti. Soffrirà il freddo e la fame, sarà sempre sul punto di morire e ucciderà gli uomini di Daesh. Vedrà morire gli amici, giovani padri e madri di famiglia, che sognavano una vita come tutti gli altri, ma che la barbarie umana ha costretto ad armarsi contro il nemico, perché “era l’unica cosa da fare”. Contribuirà alla liberazione della città e vedrà tornare i bambini a giocare, anche se la fine della guerra è lontana.

Parte del ricavato dalla vendita del libro servirà alla ricostruzione di Kobane. Per contribuire www.helpkobane.com

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

pubblicita elezioni

 

Giuseppe Limosani Il Maestro Partigiano