Martedì, 15 Marzo 2016 09:52

La Misericordia: "ancora a macinare rancori vecchi come il mondo"

Scritto da  lettere alla Redazione
Vota questo articolo
(1 Vota)

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Andrea Lazzaro Maria Savino, presidente dell'associazione Misericordia, in merito alle polemiche relative alla sua precedente lettera pubblicata il 6 marzo, dal titolo "L'associazione Misericordia Onlus sfiducia Pompilio".

 

Una mia cara amica ha sentenziato, citando, correttamente: “Cum dicitur ignorantia, silent risum dat intelligentiam et sapientiam”. Si è vero. L'intelligenza non cede alle provocazioni. L'intelligenza si riconosce tale e pesa le parole. L'intelligenza non impiega energie per arginare gli sciocchi, si potrebbe dire. Perché a volte non si può semplicemente dire: no, sono le parole di uno sciocco. Sono dell'idea che dallo sciocco all'ignorante, al dottorato al filosofo, occorre sempre controbbattere con il vigore della propria tempra morale e con la gentilezza e la grazia di un duello. Se una cosa non piace, occorre dirlo. Se qualcosa è stato detto, con poche righe, offensive, lesive, con grande viltà e codardia, perché diciamolo... chiunque al di là e al di qua di uno schermo riuscirebbe a scrivere qualsiasi cosa..., occorre controbattere. È un dovere personale e a volte un dovere sociale. Verecundia. Vergogna uomo chiunque tu sia.

Dopo cinque anni state ancora a macinare rancori vecchi come il mondo. Vi dovete rendere conto una volta per tutte che voi siete “secondi” anche quando qualche profeta vi abbia unto. Nulla vi è stato usurpato, perché non siete né detentori né propriatari di alcun nome. La confusione la state creando voi con il vs. modo di agire e parlare. Voglio solo informarvi che il nostro non è stato un atto di sfiducia nei riguardi delle “Autorità comunali”, ma un farsi carico della voce dei più deboli. Una denuncia raccolta di chi non ha più la dignità di parlare.

Siamo in una società liberale e secolare, piena di contraddizione e voi ne siete il degno specchio. Che misericordia siete se predicate l'intolleranza?

Il Legale Rappresentante

Andrea Lazzaro Maria Savino

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

pubblicita elezioni

 

Giuseppe Limosani Il Maestro Partigiano