Mercoledì, 18 Novembre 2020 18:10

Sanità Provincia di Foggia, la preoccupazione di Rifondazione Comunista

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

“La situazione in provincia di Foggia è al collasso, sono saltati tutti i protocolli, non si effettuano più i tamponi a chi ha avuto contatti con un positivo, ma gli si intima la quarantena domiciliare. In questo modo, però, il tracciamento va a farsi benedire e il virus galoppa”.

La Federazione Provinciale del Partito della Rifondazione Comunista di Capitanata, in una nota stampa, esprime forte preoccupazione per la situazione sanitaria nella nostra Regione e, in particolare, nella provincia di Foggia.

 

La nota

 

“I dati dimostrano che il covid ha colpito violentemente le strutture ospedaliere del nostro territorio a causa delle scelte degli ultimi anni fatte di tagli scellerati alla sanità (riduzione di posti letto, chiusure di ospedali e di punti di primo intervento). Sono stati dirottati fiumi di denaro dalle strutture pubbliche a quelle private convenzionate che, oggi, non sono nemmeno in grado di dare supporto alla sanità pubblica per carenza di personale medico e infermieristico e mancanza di investimenti in prevenzione.

 

La situazione in provincia di Foggia è al collasso, sono saltati tutti i protocolli, non si effettuano più i tamponi a chi ha avuto contatti con un positivo, ma gli si intima la quarantena domiciliare. In questo modo, però, il tracciamento va a farsi benedire e il virus galoppa.

Il nostro Emiliano, invece di ammettere i propri fallimenti (fino a poche settimane fa aveva la delega alla Sanità), sposta l’attenzione sulla scuola o sul senso di responsabilità individuale, facendo terrorismo psicologico e ammettendo candidamente che la Puglia, in caso di positività al covid in ambito scolastico, non è in grado di processare un numero adeguato di tamponi. Attualmente, la percentuale di esiti positivi al tampone in Puglia è quasi del 20% e i numeri della nostra regione non accennano a diminuire.

 

Chiediamo, come Partito della Rifondazione Comunista, un immediato piano di investimenti in ambito sanitario, assunzioni stabili e durature di personale medico e infermieristico, il ripristino dei presidi territoriali e una corretta formazione per chi è preposto a informare e a contattare i positivi. Inoltre riteniamo essenziale che la rete territoriale/ospedaliera per l’emergenza Covid19 non venga smantellata alla fine della seconda ondata dei contagi, come è avvenuto a maggio, lasciando tutto il territorio pugliese impreparato”.

 

 

pubblicità3

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”