Lunedì, 19 Ottobre 2020 09:58

Masseria Agropolis: il sindaco Michele Crisetti non ha partecipato al confronto radio con Rosa Barone, ecco cosa è emerso

Scritto da  Stefania Consiglia Troiano*
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Sembrerebbe che da parte del Comune ci sia una sorta di indecisione a voler sbloccare l'iter burocratico”, il sindaco di San Giovanni Rotondo doveva partecipare a “Speciale Rete Smash”, per un impegno istituzionale non ha potuto partecipare al confronto, ecco cosa è emerso dalla trasmissione radiofonica nella ricostruzione della conduttrice.

Pubblichiamo un articolo della conduttrice di “Speciale Rete Smash", Stefania Consiglia Troiano, nella trasmissione è mancato il punto di vista dell’amministrazione di San Giovanni Rotondo perché il primo cittadino non ha partecipato per un impegno istituzionale, così si è giustificato Michele Crisetti, (è possibile ascoltare la trasmissione integrale QUI).

 

"Il bandolo della matassa è nelle mani del Comune di San Giovanni Rotondo"

 

Nell’intervista alla consigliera regionale pugliese del M5S, Rosa Barone, è emerso,a mio avviso, un quadro chiaro e a tratti sconcertante sulla vicenda della Masseria Agropolis. Ma prima di arrivare al nocciolo del problema procediamo con un breve resoconto con i punti più salienti di tutto l’incredibile caso. Il 20/07/1989 con contratto pubblico il Comune di San Giovanni Rotondo concesse alla Comunità Montana del Gargano, del terreno demaniale sito in Località Pantano, ex Lago S.Egidio, per la realizzazione, con fondi comunitari, del complesso immobiliare “Masseria Agropolis”. La Comunità Montana aveva ottenuto da parte del Ministero per l’Intervento Straordinario nel Mezzogiorno l’approvazione di un finanziamento di lire 29 miliardi per la realizzazione di un complesso di opere per attività agro-silvo-pastorali, turistiche e ricreative. La struttura che avrebbe dovuto rappresentare una piccola città agricola dedita ad attività alimentari, zootecniche e ricettive funzionò per quasi dieci anni tra gestioni private e pubbliche per poi chiudere per fallimento a causa di ragioni gestionali, amministrative, politiche ed economiche. La regione, dunque, nomina un commissario liquidatore unico che prende in consegna tutti i beni compresi nella liquidazione di tutte le soppresse Comunità Montane tra cui il complesso immobiliare Masseria Agropolis,concesso in diritto di superficie dal Comune di San Giovanni Rotondo alla Comunità Montana del Gargano.

 

Successivamente la Giunta regionale emana apposito decreto per l'acquisizione dei beni immobili a favore della Regione Puglia e dispone altresì che i comuni interessati possano presentare alla Regione Puglia richiesta di utilizzazione e/o valorizzazione dei beni immobili sulla base di progetti finalizzati al conseguimento di preminenti interessi collettivi. La Giunta regionale, valutata la conformità all'interesse pubblico della proposta, ne disporrà la concessione a titolo gratuito in favore dell'ente richiedente. A questo punto il comune di San Giovanni Rotondo, fiutata l'opportunità in termini di sviluppo economico e sociale del territorio, manifesta l’interesse ad acquisire in proprietà a titolo gratuito, il complesso immobiliare della Masseria e con una nota del 24/01/2013, indirizzata al Presidente della Regione Puglia, reiterava tale interesse, evidenziando che la struttura versava in stato di totale abbandono.

 

Il 17/1/2014 viene approvata all’unanimità e con urgenza la delibera comunale n. 6 di “acquisizione a titolo gratuito mediante retrocessione del complesso immobiliare Masseria Agropolis “ con voto favorevole dell’attuale sindaco, di altri consiglieri oggi in consiglio e con parere favorevole del dirigente del settore tecnico, la stessa venne inoltrata alla Regione Puglia.

 

E qui giungiamo al punto cruciale: la regione Puglia non può incamerare la proprietà della Masseria Agropolis e quindi in un secondo momento trasferirla al Comune di San Giovanni Rotondo perché l'area interessata è “zona soggetta ad usi civici". In poche parole, un grosso svarione fu commesso già costruendo la Masseria su quei terreni demaniali. Il Comune inoltrò il 17/7/1989 al Commissariato della liquidazione degli usi civici della Regione Puglia un’istanza per il “mutamento di destinazione di suolo di demanio di uso civico allo stato libero a suolo per la realizzazione di un Masseria Pilota”, la stessa non fu accolta perché il progetto presentato non rispettava le precise disposizioni di legge contemplate dall’art. 41 del R.D. n. 332 del 26/2/1928. Per trovare una risoluzione all’annosa questione, si riunisce un tavolo tecnico l’8/09/2016 in Bari presso la Sezione Urbanistica della Regione Puglia alla quale partecipano i rappresentanti delle Amministrazioni ed Enti interessati. In quella occasione si concordava, per iscritto, un preciso iter amministrativo per il trasferimento del bene al Comune e precisamente il Consiglio Comunale avrebbe dovuto fare richiesta alla regione di declassificazione dal demanio civico delle terre interessate alla Masseria e successivamente la regione, autorizzando il mutamento di destinazione, gli avrebbe trasferito la proprietà a seguito della richiesta comunale del 17/1/2014 e come previsto dalla legge regionale n. 1/2016. Tutto sembra proseguire per il verso giusto, finalmente si è giunti alla soluzione più logica da intraprendere.

 

Il comune di San Giovanni Rotondo, per valutare la convenienza di acquisire al patrimonio comunale la Masseria avvia una procedura finalizzata alla raccolta di manifestazioni di interesse per valutare la disponibilità di soggetti interessati a presentare proposte progettuali volte alla valorizzazione del complesso immobiliare. Tra le tante proposte valutate, quella dell'Associazione World Area Cinevillage riscuote maggiore interesse da parte del comune che in data 08/10/2018 sottoscrive con la suddetta associazione un Protocollo di intesa finalizzato alla procedura negoziata per l'acquisizione della Masseria Agropolis. Purtroppo il Consiglio Comunale, in questi ultimi quattro anni, non ha mai deliberato una richiesta alla Regione Puglia di declassificazione dal demanio civico delle terre interessate dalla Masseria.

 

In conclusione, dopo aver ascoltato la consigliera regionale pugliese del M5S Rosa Barone, durante la trasmissione “Speciale Rete Smash" condotta dalla sottoscritta, sembrerebbe che da parte del Comune di San Giovanni Rotondo ci sia una sorta di indecisione a voler sbloccare l'iter burocratico. Certo, è comprensibile anche la necessità del Comune di svolgere approfondimenti prima di acquisire il bene al patrimonio comunale poiché nel caso in cui non dovesse individuarsi un soggetto a cui dare in concessione l’immobile, le spese di vigilanza e manutenzione ordinaria e straordinaria graverebbero sul bilancio comunale. Ma alla luce di tutto ciò, si rende quanto mai urgente un nuovo dialogo tra Regione e Comune per individuare la migliore soluzione per salvare dal degrado la Masseria, riportarla a nuova vita e bloccare lo sperpero di denaro pubblico.

 

*Conduttrice di "Speciale Rete Smash"

pubblicità3

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”