Venerdì, 31 Gennaio 2020 10:04

San Giovanni R., intervista a Giuseppe Siena:«Non siamo a caccia di poltrone, vogliamo dare un contributo di idee»

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Giuseppe Siena Giuseppe Siena

A colloquio con uno dei tre coordinatori del nuovo movimento politico, i Riformisti per San Giovanni, nato dopo soli sei mesi di amministrazione Crisetti, ecco i motivi che lo hanno convinto ad accettare la guida del movimento insieme a Scarale e Quotadamo.

Dal 10 dicembre scorso è nato un nuovo gruppo consiliare di maggioranza a Palazzo San Francesco, composto dai consiglieri Antonio Pio Cappucci, Mauro Ciavarella e Lucia Mischitelli. Dopo la ripresa dell’attività politica interrotta dal Natale, è stato comunicato che, oltre al gruppo in consiglio comunale, i Riformisti hanno nominato una triade, “componenti delegati”, alla guida del movimento: Michele Scarale, Onofrio Quotadamo e Giuseppe Siena. Abbiamo intervistato Giuseppe Siena, che dei tre ha sicuramente maggiore esperienza politica. Siena è stato già assessore della città e si è parlato spesso di una sua possibile candidatura a primo cittadino. Ci tiene a dire, e lo ripete spesso, che il nuovo gruppo «vuole dare un contributo di idee alla politica cittadina».

Riformisti per San Giovanni nasce come partito in contrapposizione al sindaco Michele Crisetti o al Pd?

«In realtà non c’è nessuna contrapposizione politica. Si tratta di un apporto di nuove forze e nuove idee…

…mancava qualcosa alla maggioranza politica?

«No. Vogliamo aggiungere e in politica quando si aggiunge è sempre positivo. Però voglio rimarcare che non siamo in contrapposizione con nessuno. Siamo un nuovo gruppo che sta crescendo, si sta organizzando e che vuole dare un contributo di idee alla politica cittadina».

È il ritorno di Giuseppe Siena in politica o in realtà lei non ha mai mollato?

«Negli ultimi anni non mi sono candidato per scelta ma la passione politica è sempre forte e presente. Ho sempre partecipato, in qualche modo, non con incarichi o candidature».

Lei era iscritto al Partito democratico, perché ha lasciato il partito?

«Ci sono state scelte nazionali che non ho condiviso, avere la tessera al partito e partecipare alla politica locale senza condividere le scelte a livello nazionale non mi convince».

Da coordinatore dei Riformisti ha partecipato già a riunioni di maggioranza?

«La prima, nei giorni scorsi. Una riunione molto positiva, molto appassionata sui temi che riguardano la città. Noi abbiamo contribuito aggiungendo numerose idee».

Lei è un politico di esperienza, che giudizio si sente di dare a questa giunta?

«Sono ancora pochi i mesi di amministrazione per dare un giudizio netto. Dico che da subito hanno dovuto affrontare numerosi problemi della città. Comunque direi buono, adesso si faranno valutazioni, tra un po’…

…valutazioni in politica significa sempre qualcuno che si dimette o che viene sostituito, il disegno dei Riformisti è quello di cambiare la giunta di Crisetti?

«Noi stiamo bene così. La questione giunta riguarda il sindaco e non noi. Non siamo a caccia di poltrone».

Se Crisetti la dovesse chiamare a far parte della squadra?

«Non penso che questo potrà accadere. Ad ogni modo non abbiamo questa esigenza».

 

pubblicità3

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”