Venerdì, 01 Marzo 2019 09:42

"Proteggi Italia", il piano del Governo Conte contro il dissesto idrogeologico non convince Emiliano e Gatta

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

Dissesto idrogeologico, Emiliano: “il Governo Conte punta sulle calamità del Nord”, il Presidente della Regione diserta l’incontro con il Premier, Gatta: “Lo spot è meraviglioso, ma ora abbiamo bisogno di fatti”.

 

 “Il Governo Conte punta sulle calamità del Nord”. Il premier Giuseppe Conte ha presentato il piano “Proteggi Italia” contro il dissesto del territorio, «il più grande mai fatto. Ci sono 11 miliardi per il triennio che si conclude nel 2021, tre a disposizione già da quest'anno per le opere più urgenti e cantierabili che entro il mese di aprile saranno sottoposti alla cabina Strategia Italia e al Cipe».

 

Michele Emiliano,Presidente della Regione Puglia, ha disertato l’incontro convocato a Palazzo Chigi dal presidente Conte, perché, spiega, «abbiamo scoperto stamattina (ieri mattina, ndr) che i fondi alle Regioni per prevenire il dissesto idrogeologico, sono stati impiegati per il completamento degli interventi a seguito di una serie di calamità naturali già verificatesi in gran parte del Nord. Questo ha reso inutile l’incontro, che serviva solamente a presentare cose già decise nella legge finanziaria.

 

Questo incontro può essere definito come assolutamente superfluo per Puglia e Campania che non hanno avuto calamità e quindi non possono avere finanziamenti di Protezione civile. Ma queste e le altre regioni che hanno problemi di dissesto idrogeologico e non hanno avuto di recente eventi disastrosi non avranno fondi aggiuntivi a quelli già stanziati in sede europea e di Patto per il Sud. dopo la convocazione.

 

Ho l'impressione che il Governo non distingua bene gli interventi di emergenza e quelli per la prevenzione del dissesto idrogeologico e li abbia messi insieme solo in virtù di due articoli della legge finanziaria che autorizzano questa commistione che altrimenti sarebbe stata addirittura illegittima se non coperta da legge ordinaria».

 

«Di sfilate ne sono state fatte abbastanza e la Capitanata è una terra martoriata, che porta ancora i segni di gravissime calamità che l’hanno devastata e hanno provocato anche delle vittime- si legge in una nota del vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta di Forza Italia- aspettiamo, infatti, ancora risposte concrete del governo, sia nazionale che regionale, ai nubifragi che hanno funestato il territorio del Gargano. Lo spot è meraviglioso, ma ora abbiamo bisogno di fatti».

pubblicità2

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

pubblicita elezioni

 

Giuseppe Limosani Il Maestro Partigiano