Giovedì, 28 Febbraio 2019 09:22

Manfredonia: “Verifiche più stringenti per l’inizio attività”

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

La Giunta guidata da Angelo Riccardi ha deliberato che la verifica antimafia deve essere estesa ad ulteriori attività, rispetto a quelle già previste, e che le SCIA delle attività stagionali dovranno pervenire entro il 30 aprile.

Sono in una recente delibera di Giunta gli strumenti attraverso cui l’Amministrazione comunale di Manfredonia effettua un nuovo, e ancora più forte, giro di vite sulla concessione di autorizzazioni e licenze amministrative. L’atto giuntale n. 19 dell’1 febbraio 2019, infatti, introduce due elementi che serviranno per fermare più efficacemente gli eventuali interessi delle organizzazioni criminali nei settori economici: l’elenco degli atti da sottoporre a verifica antimafia, da parte della Prefettura, è ora esteso anche alle attività di somministrazione di alimenti e bevande, nonché a quelle di concessione della fida pascolo; le ‘segnalazioni certificate di inizio attività’ (SCIA), relative alle attività stagionali, dovranno pervenire entro e non oltre la data del 30 aprile, “al fine di consentire agli uffici un efficiente controllo dei requisiti e non vanificare gli obiettivi che il Protocollo di legalità intende conseguire”.

 

La Città di Manfredonia, con Chieuti, Ischitella, Lesina, Mattinata, Monte Sant’Angelo, Rodi Garganico, Peschici, San Nicandro Garganico, Vieste, Vico del Gargano e Zapponeta, è stata firmataria, due anni fa, del Protocollo d’intesa "Le autorizzazioni e le licenze amministrative: le nuove frontiere degli interessi mafiosi e l’attività di prevenzione", rivolto ai Comuni rivieraschi e a quelli che hanno insediamenti turistici lungo la costa. Il documento proposto ha previsto che “i Comuni firmatari si impegnino a richiedere alla Prefettura, all’atto della presentazione della SCIA o della domanda di consenso le informazioni antimafia, ai sensi dell’articolo 91 del Nuovo Codice Antimafia, per le attività di seguito indicate: strutture turistico – alberghiere; esercizio di locali di pubblico trattenimento (sale da ballo, discoteche, sale da gioco, impianti sportivi, ecc.); attività relativa alla balneazione e agli stabilimenti di bagni”.

 

Licenza per i parcheggi, licenza per la gestione di un chiosco sulla spiaggia, licenza per un locale: pari sono, dal punto di vista dei controlli preventivi. Se nel passato, infatti, era sufficiente fare una richiesta al Comune che l’avrebbe accettata, previa verifica dei requisiti di legge; dopo la sottoscrizione del Protocollo, invece, i dati relativi al richiedente si inoltrano alla Prefettura, che svolge un controllo accurato e preciso sul suo conto.

Alla luce della sentenza n. 2343, del 18 aprile 2018, della Terza Sezione del Consiglio di Stato secondo cui “anche le attività soggette al rilascio di autorizzazioni, licenze o a S.C.I.A. soggiacciono alle informative antimafia, superando, pertanto, la rigida bipartizione e la tradizionale alternatività tra comunicazioni antimafia, applicabili alle autorizzazioni, e informazioni antimafia, applicabili ad appalti, concessioni, contributi ed elargizioni”, alla dirigente delle Attività produttive della Città di Manfredonia, dottoressa Maria Sipontina Ciuffreda, è stato affidato incarico per l’attuazione del Protocollo nella sua nuova e più stringente interpretazione. La dirigente comunale, quindi, informa la comunità cittadina circa la nuova modulistica che dovrà essere presentata al SUAP (Sportello Unico delle Attività Produttive) entro e non oltre la data del 30 aprile e, inoltre, sta preparando atto di indirizzo agli uffici comunali in ordine all’estensione dell’applicazione del suddetto Protocollo a tutte le attività ricettive: sia quelle disciplinate dalla L.R. 11/1999, che da altre norme in materia.

pubblicità2

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

pubblicita elezioni

 

Giuseppe Limosani Il Maestro Partigiano