Mercoledì, 23 Gennaio 2019 09:19

Vieste, Elena Gentile: “Realizzare nel complesso sanitario un Ospedale di Comunità”

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

“La qualità dei servizi di cui è possibile usufruire, soprattutto intermini di offerta sanitaria, culturale, sicurezza e viabilità, è il biglietto da visita più attrattivo per qualsiasi località, tanto più se di grande rilievo turistico come il promontorio garganico e la sua capitale, Vieste”.

In una nota la parlamentare europea del Pd, Elena Gentile,  propone un “Ospedale di Comunità” a Vieste.

 

LA NOTA

“La qualità dei servizi di cui è possibile usufruire, soprattutto intermini di offerta sanitaria, culturale, sicurezza e viabilità, è il biglietto da visita più attrattivo per qualsiasi località, tanto più se di grande rilievo turistico come il promontorio garganico e la sua capitale, Vieste.

E invece, proprio nella città di Vieste, meta estiva – e non solo – di centinaia di migliaia di turisti e visitatori, si sta consumando da tempo una telenovela divenuta oramai stucchevole e non più sopportabile. Protagonista principale il Direttore Generale della ASL,trama la declinazione in peggio del modello organizzativo del presidio sanitario di emergenza urgenza, esito finale un danno enorme non solo per i cittadini viestani e dell’intero territorio, ma anche per la tenuta turistica.

 

E tutto questo con il citato Direttore Generale della ASL che tira il sasso e nasconde la mano: prima declassa il Presidio di Primo intervento a Punto di primo intervento territoriale (con il ricorso al118 che, come si sa, versa peraltro in condizioni di grande disagio)poi rassicura Istituzioni e Cittadini che tanto non cambia niente in termini di fornitura del servizio perché i due modelli sonosostanzialmente sovrapponibili.

Nel contempo, però, rifiuta qualsivoglia confronto di merito e contraddittorio. Perché mai, se è certo di dire la verità?

 

pubblicità2Da mesi, e non solo per chi scrive, la cronaca dei fatti sta dimostrando l’esatto contrario. Semmai ve ne fosse bisogno basterebbe la riduzione dei giorni utili per eseguire i prelievi ematici per dimostrare che ci troviamo di fronte a un avvicinamento a tappe forzate all’obiettivo finale: smantellare di fatto un presidio che,pur fra mille difficoltà, ha garantito alla comunità viestana e del promontorio almeno i servizi fondamentali.

 

Il Sindaco della Città da mesi è costretto ad inseguire il Direttore Generale nella continua e snervante altalena del “togliere” per poi a parole concedere.

 

Sapendo, entrambi, che l’unica, possibile ed ottimale soluzione non è quella di ripristinare il modello dei Punti di primo intervento ma quella di realizzare nel complesso sanitario un Ospedale di Comunità,come previsto da una legge dello Stato, il D.L. 70 del 2015.

Il quale, con una norma che sembra scritta apposta per le caratteristiche del territorio viestano, ipotizza per tali fatti specie la realizzazione di una struttura ospedaliera con la previsione di posti letto per degenze mediche e chirurgiche che affiancano il pronto soccorso e le diagnostiche per immagini e di laboratorio. Norma,ripeto e sottolineo per chi di dovere, che si preoccupa meritoriamente di assicurare i livelli di cura essenziali in aree particolarmente disagiate geograficamente, con collegamenti viari complicati che dilatano i tempi di percorrenza verso gli ospedali di rango superiore,tanto più con i picchi di presenze stagionali.

 

Se il Sindaco di Vieste vorrà condividere questa battaglia, noi saremo al suo fianco. E, insieme, coinvolgeremo il Presidente Emiliano. Come assessore al ramo ma, soprattutto, come Presidente di questa Regione”.

Perché l’Ospedale di Comunità a Vieste non significa solo sanità maanche attrattività turistica e sviluppo economico. Per il Gargano, laprovincia di Foggia, e l’intera Regione.

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”