Giovedì, 25 Ottobre 2018 15:03

Manfredonia: depuratore, convocato incontro con gli agricoltori

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)
Foto di repertorio Foto di repertorio

Un incontro finalizzato ad illustrare la fattibilità del riuso agricolo dei reflui depurati dell’impianto di depurazione di Manfredonia, si svolgerà alla presenza dell’Assessore Regionale alle Risorse Idriche Giovanni Giannini.

Si terrà lunedì 29 ottobre alle ore 18.30presso il LUC di Manfredonia un incontro finalizzato ad illustrare la fattibilità del riuso agricolo dei reflui depurati dell’impianto di depurazione di Manfredonia.

 

L’incontro, che vedrà il coinvolgimento delle Associazioni di Categoria degli Agricoltori, si svolgerà alla presenza dell’Assessore Regionale alle Risorse Idriche Giovanni Giannini, del Direttore AIP Vito Colucci, del Direttore Reti e Impianti AQP Francesca Portincasa, del Sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi, del Dirigente del Settore Ambiente del Comune di Manfredonia Antonello Antonicellie del Presidente del Consorzio di Bonifica di Capitanata Giuseppe De Filippo.

 

L’adeguamento dell’impianto di depurazione di Manfredonia è stato recentemente oggetto di procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale conclusosi con esito favorevole. Tale provvedimento ha posto in risalto e, in un certo senso prescritto, la necessità di implementare gli interventi di riuso dei reflui civili al fine di ridurre il carico sversato nel torrente Cervaro.

 

In tal senso, la proposta progettuale si pone l’obiettivo di assicurare il pieno utilizzo, ai fini irrigui agricoli, del refluo affinato, dopo gli opportuni processi di trattamento che AQP dovrà garantire per assicurare il rispetto delle normative circa la qualità del refluo.

 

L’utilizzo dei reflui affinati è concepito per ridurre il carico nel torrente Cervaro in maniera progressiva e fino ad azzerare lo stesso ed al contempo a sostituire l’irrigazione di comprensori irrigui già operativi e ad oggi serviti dal Consorzio di Bonifica della Capitanata con fonte primaria (approvvigionamento dalla diga di Occhito). Tale prospettiva è strategica sia da un punto di vista ambientale, ma anche infrastrutturale in quanto consentirà ai comparti agricoli serviti di rendersi autonomi (o quantomeno ridurre la dipendenza) dalla fonte potabile primaria.

 

Altro aspetto positivo di rilevante interesse è la possibilità di eliminare completamente lo scarico nel torrente Candelaro con conseguenti benefici in termini di utilizzabilità di una porzione di spiaggia oggi interessata da divieto di balneazione ai sensi della vigente regolamentazione.

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

 

Giuseppe Limosani Il Maestro Partigiano