Martedì, 07 Agosto 2018 12:04

Mercoledì corteo con i sindacati, l’appello di Libera Foggia

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

La manifestazione si svolgerà mercoledì 8 alle ore 18, a partire dalla stazione di Foggia, l’appello dell’associazione fondata da don Luigi Ciotti.

 

L'appello di Libera per la manifestazione di mercoledì a Foggia.

 

16 morti in 3 giorni: la strage a cui stiamo assistendo, al netto delle maggiori informazioni che attendiamo dalle indagini, ci riconsegna, in un momento in cui il caporalato sembrava fosse uscito dal dibattito pubblico, il quadro reale, il disegno doloroso di un pezzo di Italia che produce ancora dolore, sfruttamento e vittime invisibili.

 

“Di fronte a quelle morti bisogna stare in silenzio, ma poi occorre chiedersi in che genere di mondo vogliamo vivere. Se in quello dove il lavoro è un diritto e un libero contributo al bene comune, o in quello, che sempre più cupamente si annuncia, dove l’essere umano sfrutta il suo prossimo e c’è solo posto per gli egoisti, per gli indifferenti, per i potenti e per i corrotti. Perché se è il primo mondo quello che vogliamo, non è più possibile assistere inerti a questo olocausto di vita e di speranza”. Così ha commentato Luigi Ciotti le notizie giunte dalla Capitanata, sede nazionale dell’ultima “Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”. Simbolo di quella giornata era proprio una piantina di pomodoro, emblema della ricchezza di questa terra, l’agricoltura, ma anche, purtroppo, di una piaga che ha radici profonde e storiche nella nostra terra.

 

Mercoledì alle 18 saremo davanti alla stazione di Foggia per il corteo con i sindacati e tante altre associazioni per rivendicare dignità e diritti per tutti i lavoratori, per protestare contro lo sfruttamento in agricoltura. È il momento di stare uniti, di stringerci intorno alle famiglie delle vittime, agli amici, ai sopravvissuti e a tutti i braccianti che continuano a lavorare nelle campagne. Ma auspichiamo, subito dopo, uno scatto in più, una maggiore presa di coscienza della problematica che non può esaurirsi solo con la repressione ma coinvolge la struttura stessa del sistema economico della nostra provincia.

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

 

Giuseppe Limosani Il Maestro Partigiano