Mercoledì, 16 Maggio 2018 09:04

San Nicandro Garganico:accordo tra il Gruppo Casillo e l'ASP Zaccagnino, "il più grande accordo al mondo di filiera sul grano“

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

L’accordo siglato dal Presidente dell’ASP Zaccagnino, Patrizia Lusi e da Pasquale Casillo dell’omonimo Gruppo è il progetto pilota che riguarderà e coinvolgerà, sotto la pinta del Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e dell’Assessore all’Agricoltura regionale, Leo Di Gioia, tutte le altre Aziende Pubbliche della Puglia, secondo uno schema regionale di promozione e valorizzazione del grano della Puglia, arricchendo l’operazione da finalità sociali.

 

Siglato il protocollo d’intesa tra il Gruppo Casillo, l’ASP Zaccagnino, Coldiretti e Regione Puglia per una filiera del “grano duro 100% italiano”. Per 3 anni su 600 ettari dell’Azienda Pubblica Zaccagnino di San Nicandro Garganico sarà coltivato ‘grano duro 100% italiano’ che sarà acquistato ‘sotto la trebbia’ da Molini Casillo Spa al prezzo minimo garantito di 0,26 euro al kg con un contenuto proteico tra 13,5 e 15% e al prezzo minimo garantito di 0,31 euro al kg per un contenuto superiore a 15%. In ogni caso qualora la media aritmetica dei prezzi minimi e massimi delle mercuriali della C.C.I.A.A. di Foggia per prodotto di tipo “fino” fosse più alta dei prezzi minimi garantiti definiti, il prezzo da liquidare per il prodotto con contenuto proteico tra 13,50% e 15,00%, sarà quello medio fatto registrare dal listino della CCIAA di Foggia con una maggiorazione pari ad € 0,01 al Kg; analogamente per il prodotto con contenuto proteico superiore a 15%, il prezzo da liquidare sarà quello medio fatto registrare dal listino della CCIAA di Foggia con una maggiorazione pari ad € 0,02 al Kg.

 

L’accordo siglato dal Presidente dell’ASP Zaccagnino, Patrizia Lusi e da Pasquale Casillo dell’omonimo Gruppo è il progetto pilota che riguarderà e coinvolgerà, sotto la pinta del Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e dell’Assessore all’Agricoltura regionale, Leo Di Gioia, tutte le altre Aziende Pubbliche della Puglia, secondo uno schema regionale di promozione e valorizzazione del grano della Puglia, arricchendo l’operazione da finalità sociali.

La Puglia che è il principale produttore italiano di grano duro, con 343.300 ettari coltivati e 9.430.000 quintali prodotto ed è paradossalmente – denuncia Coldiretti Puglia – anche quello che ne importa di più, tanto da rappresentare un quarto del totale del valore degli arrivi di prodotti agroalimentari nella regione.

 

“L’origine del grano è divenuta elemento obbligatorio sulle etichette di pane e pasta e con l’accordo di filiera tra Coldiretti e Casillo si sta mettendo un freno alla storica dipendenza del sistema industriale dal grano estero. Un numero sempre crescente di pastai ha deciso di non importare da Paesi a rischio glifosato, mentre  gli agricoltori, davanti ad una giusta remunerazione del proprio lavoro, stanno dimostrando di essere pronti ad aumentare la produzione di grano in Italia” ha dichiarato il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele.

 

Gli ha fatto eco Giuseppe De Filippo, Presidente di Coldiretti Foggia, spiegando che “gli agricoltori, se tecnicamente sostenuti, garantiscono un livello qualitativo elevato, a dimostrazione che fare grano di qualità in Puglia è una certezza. A pesare sul mercato negli ultimi anni sono state le importazioni in chiave speculativa che si concentrano nel periodo a ridosso della raccolta e influenzano i prezzi. Riteniamo indispensabile “il 100% dei controlli sul grano importato – ha incalzato – l’attivazione immediata della CUN nazionale cerealicola con base logistica a Foggia, il granaio d’Italia, e sostegni pubblici solo alle imprese che lavorano grano italiano”.  Coldiretti chiede al nuovo Parlamento che si esprima contro la ratifica del trattato CETA, bloccando così le importazioni a dazio 0 dal Canada dove grano e leguminose vengono trattate con glifosato in fase di preraccolta, secondo modalità vietate in Italia.

L’ ‘ASP dr. Vincenzo Zaccagnino’ è proprietaria di terreni estesi complessivamente su 2.206 ettari, ubicati in sei comuni della provincia di Foggia (San Nicandro Garganico, Lesina, Poggio Imperiale, Apricena, San Severo e Foggia), dai quali trae la quasi totalità delle sue rendite che vengono utilizzate al perseguimento degli scopi Statutari e una produzione di grano che si attesta tra i 16 ed i 20 mila quintali per annata agraria.

Il protocollo d’intesa firmato da Casillo, ASP Zaccagnino, Coldiretti e Regione Puglia rientra nella piena operatività del più grande accordo di filiera sul grano mai realizzato al mondo per quantitativi e superfici coinvolte, siglato da Coldiretti, Consorzi agrari d’Italia, Fdai (Firmato dagli agricoltori italiani) e Gruppo Casillo che prevede la fornitura 300 milioni di chili di grano duro biologico destinato alla pasta e 300 milioni di chili di grano tenero all’anno per la panificazione. L’intesa ha una durata di tre anni con la possibilità di una proroga per altri due, per un totale di 5 anni.

Un accordo che rafforza la leadership dell’Italia in Europa nel numero di imprese che coltivano biologico con 72.154 operatori e 1.796.363 ettari, con un aumento del 20% su base annua. La crescita della domanda – sottolinea la Coldiretti – ha spinto l’aumento delle produzioni. Tra le colture con maggiore incremento ci sono proprio i cereali (+32,6%) mentre a livello territoriale – continua la Coldiretti – la maggiore estensione delle superfici bio è registrata proprio al Sud Italia, con la Puglia al top della classifica con 255.831 ettari coltivati. Si tratta di una garanzia anche per sei italiani su dieci (60%) che nel 2017 hanno acquistato almeno qualche volta prodotti biologici a conferma di una decisa svolta salutista nei consumi alimentari, secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’.

L’intesa Coldiretti/Casillo è anche una risposta alla domanda dei consumatori che chiedono in misura crescente la garanzia di italianità della pasta acquistata come dimostra la rapida proliferazione di marchi e linee che garantiscono l’origine nazionale al 100% del grano impiegato, da Ghigi a De Sortis, da Jolly Sgambaro a Granoro, da Armando a Felicetti, da Alce Nero a Rummo, da FdAI – Firmato dagli agricoltori italiani fino a “Voiello” che fa capo al Gruppo Barilla,e a Divella che in questi anni ha avviato un percorso di filiera in Puglia con grano 100% italiano frutto della ricerca SIS, società leader nel settore sementiero.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”