Mercoledì, 04 Novembre 2020 10:59

Eccidio di San Giovanni Rotondo: “Fermate i socialisti”, un nuovo libro di Antonio Tedesco

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)
La copertina del libro e l'autore La copertina del libro e l'autore

Il saggio ricostruisce l’Eccidio del 14 ottobre 1920 a San Giovanni Rotondo, la strage più violenta del biennio rosso in Italia, una vicenda emblematica che merita di essere ricordata.

Dopo cento anni, il saggio ricostruisce la repressione più drammatica del biennio rosso in Italia. Un eccidio dimenticato, le cui dimensioni sono impressionanti, morirono 13 socialisti e 1 carabiniere. Una vicenda emblematica per conoscere a fondo le radici del fascismo.

 

Un saggio storico con cui la Fondazione Nenni intende ricordare il centenario dell’Eccidio del 14 ottobre 1920 a San Giovanni Rotondo. La strage più violenta del biennio rosso in Italia. Una vicenda drammatica che colpì pesantemente un piccolo comune del Mezzogiorno e che diede forza allo squadrismo in Puglia e in tutto il Paese. Le dimensioni di quella strage sono impressionanti (più vittime dei fatti di Palazzo d’Accursio a Bologna) e nella ricerca di Antonio Tedesco emerge chiarissima la responsabilità della borghesia della Capitanata e della forza pubblica che si mosse con l’intento di reprimere il movimento socialista nelle aree in cui era maggiormente radicato.

 

L'autore si era già occupato della vicenda con il volume “Quella voce fucilata nella piazza” (Sudest Edizioni) nel 2010. Con questo saggio, con Arcadia Edizioni, per la collana Bussole della Fondazione Nenni, frutto di una corposa ricerca archivistica, traccia puntualmente la dinamica dei fatti, indicando in modo inequivocabile i responsabili della strage.

 

Antonio Tedesco è Direttore Scientifico della Fondazione Pietro Nenni, scrittore e studioso di Storia Contemporanea. Collabora e scrive su diverse riviste. Tra le sue principali pubblicazioni: Quella voce fucilata nella piazza (Sudest Edizioni, 2010) Il Partigiano Colorni e il grande sogno europeo (EditoriRiuniti, 2014), Vivà, la figlia di Pietro dalla Resistenza ad Auschwitz (Bibliotheka Edizioni, 2017), Pietro Nenni e la Grande Guerra (Bibliotheka Edizioni, 2018). Con Alessandro Giacone ha curato Anima Socialista, Nenni e Pertini in un carteggio inedito (Arcadia Edizioni, 2020).

 

Il libro è in vendita online e a breve in diverse edicole di San Giovanni Rotondo.

 

pubblicità3

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”