Giovedì, 04 Giugno 2020 10:58

“Peschici in bianco e nero”, il racconto "autentico" della cittadina garganica

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
La copertina del libro La copertina del libro

Esce, per Andrea Pacilli Editore, un libro con l’idea di raccontare i dettagli e le sfumature di Peschici, con i testi di Matteo Pio Pazienza e le foto di Michele Sepalone, “Raccontare l’Italia anche in bianco e nero, l’Italia può permettersi anche questo, vivere nelle tonalità del chiaroscuro”.

Un libro in bianco e nero, che racconta con immagini e testi Peschici, il suggestivo borgo di mare aggrappato  sulla roccia, situato nel punto più a Nord del Gargano e della Puglia. Non è una operazione nostalgia e neanche il tentativo di invertire le cose sperando di far dimenticare, a residenti e turisti, l’uso eccessivo e esclusivo della fredda tecnologia. Andrea Pacilli Editore pubblica “Peschici in bianco e nero” (pag. 67. 15,00 euro), testi di Matteo Pio Pazienza, foto di Michele Sepalone a cura di Andrea Pacilli.

 

Un viaggio intimo nella cittadina garganica, forse alla ricerca della Peschici più intima o di una narrazione in controtendenza, “fatta per immagini dove il privilegio dei chiaroscuri sostituisce l’esplosione dei colori di un lembo d’Italia, il Gargano, che non ci si stanca mai di raccontare”, come si legge nella quarta di copertina del libro. L’autore dei testi, Matteo Pio Pazienza, racconta di una Peschici come una città «fugacemente visitata soltanto in estate, e soprattutto visitata con estrema superficialità e scarso interesse umano, cioè visitata come se fosse un qualunque non luogo estivo ubicato nel plurimillenario mediterraneo greco e romano. Visitata per un passaggio vacanziero occasionale e veloce. Peschici, uno spazio ed un luogo ad oggi caratterizzato dalla leggerezza del pensiero dei più. Peschici, la “Zaira” di Italo Calvino descritta nella “Città Invisibile” che “contiene la sua storia ma non la racconta”, e che nessuno la chiede». Foto del castello, della Torre del Ponte, del Trabucco e del porticciolo ma anche e soprattutto facciate, balconi e turisti che ascoltano una guida o seduti al tavolo di un ristorante all'aperto, dettagli che non sfuggono all’occhio attento di Michele Sepalone.

 

Raccontare il Gargano in bianco e nero è possibile e rassomiglia ad una carezza leggera in un mondo ancora scosso che sta cercando, freneticamente, di tornare a correre ma è ancora trattenuto dalla paura. Un libro che aleggia sopra il tempo e lo spazio, un racconto leggero ma profondo a cui ogni cittadina del Gargano avrebbe diritto. Un racconto libero dalla retorica delle pubblicazioni promozionali e dalle furbizie narrative del marketing territoriale. Autentico.

 

Un lavoro collettivo con la speranza e l’auspicio di raccontare un territorio con un piglio diverso, di colmare un vuoto che esiste storicamente nella narrazione di tanti luoghi del Sud, «tanti poeti, artisti e scrittori hanno percorso ed hanno raccontato questa nostra stupenda penisola dopo averla percorsa in lungo e in largo, passando attrarselo borghi e città, montagne e colline, isole e pianure, laghi e fiumi, ma non andando mai oltre la città di Napoli- racconta Pazienza- noi speriamo sia di auspicio per altre più profonde ed intense riflessioni e per altri approfondimenti».

 

 

pubblicità3

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”