Lunedì, 30 Dicembre 2019 08:09

Rignano Garganico: successo per il Presepe vivente, si replica il 6

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)
Un momento della manifestazione Un momento della manifestazione

Grande successo partecipativo per la prima tappa del Presepe Vivente, a Rignano Garganico. Forse più di tremila visitatori di ogni età e status sociale e culturale. Infatti, gli stessi hanno letteralmente invaso, per cinque ore circa, l’intero ed ampio borgo antico di origine e fattura medievale, triplicando così l’attuale popolazione.

Dodici le botteghe aperte ubicate nei punti strategici, coll’intento di favorire la tipicità delle strade e dei fabbricati in pietra, in gran parte con ‘sottani’ (monolocali a piano terra) ricavati all’interno di vere e proprie grotte e antri. Non per niente il quartiere più antico si chiama “Grotte”. Rappresentati quasi tutti gli antichi mestieri ed attività: falegname, fabbro, sartoria e ricamo, latteria, cantina – trattoria, ecc. Interessato all’uopo anche uno dei due Palazzi ‘Ricci’, residenza a fine Ottocento dello scrittore verista Giulio Ricci, unico pugliese di questo genere letterario, caro al Verga.

Precisamente in un locale, ubicato a piano terra in una traversa dell’omonima via era attiva persino la scuola, costituita da vecchi banchi e arredo, con annessa libreria, dove erano in mostra una raccolta di testi locali. Tra l’altro, quello sui soprannomi di Angelo e Antonio Del Vecchio, a suo tempo andato a ruba, di cui oggi è richiesta dai rignanesi dispersi in Italia e nel mondo una nuova ed aggiornata ripubblicazione.

Da segnalare, inoltre, che durante il percorso odierno, il luogo più ammirato e frequentato è stato la “Strettola”, alias vicolo del bacio. Ad un certo punto lo stesso, per via della sua singolarità e simbolicità amorosa è stato preso letteralmente d’assalto. Il tutto al suon e al canto melodico degli Zampugnar’ di San Marco in Lamis e degli Spruvvist’ di San Giovanni Rotondo. Protagoniste sono state soprattutto le coppiette di ieri e di oggi. Le une attratte dal fascino sentimentale e misterioso che emana da ogni poro delle pareti lapidee, le altre ci si avventuravano sopraffatti dal ricordo e dalla rinata voglia di riprovare le medesime sensazioni ed emozioni, acquetate dal tempo e dagli anni.

Ad indicare il passaggio del budello che congiunge le due strade interessate era affisso, a mo’ di logo, sul fianco dell’ingresso, un grande cartello , riportante nel corpo il testo ridotto del racconto intitolato “Michele e Rocchina” (da Racconti e Leggende del Gargano di Angelo Del Vecchio, Araiani 2003), una coppia di paesani che qui amoreggiarono prima di lasciare il paese per cercare fortuna in America, dove vissero a lungo felici e contenti sino alla morte, trovando l’eterno riposo presso le tombe a loro dedicate nel cimitero di Little Italy a New York.

Il momento clou si è vissuto in Largo Palazzo con la natività allestita all’interno del mercato coperto e agli scaraiacci con stalle ed animali all’esterno, ammirati soprattutto dai bambini.  Soddisfatti tutti gli organizzatori e figuranti partecipanti, in primis la Presidente del Comitato organizzatore, Pinella Gravina, che si è dedicata all’opera anima e corpo. 

La seconda ed ultima tappa del Presepe in parola, avrà luogo, dalle ore 16,00 in poi il prossimo 6 gennaio del 2020.

 

pubblicità3

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”