Giovedì, 08 Novembre 2018 09:28

Dal Gargano all'Orto Botanico di Napoli con la “Schola Botanica Garganica”

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

Alla scoperta della storia delle scienze botaniche nell'Orto Botanico di Napoli con l'associazione “Schola Botanica Garganica”, un viaggio in autobus a Napoli, un’iniziativa rivolta a soci e nuovi tesserati.

 

La Schola Botanica Garganica, recente realtà associativa voluta dal botanico prof. Nello Biscotti, nell’ottica della diffusione della conoscenza e della sensibilizzazione dei valori botanici del territorio, domenica 9 dicembre organizza una visita guidata all’Orto Botanico di Napoli, storica istituzione scientifica italiana, scuola di studio e formazione per centinaia di generazioni di farmacisti e botanici, a partire dai primi anni dell’800 (anno di fondazione 1807).


La botanica è stata la scienza che formava farmacisti in origine, in considerazione dell’interesse esclusivamente medicinale che motivava lo studio delle piante; gli Orti botanici in tal senso svolgevano un ruolo importante per la didattica, attraverso collezioni di piante che favorivano la conoscenza e la determinazione delle specie. Prima degli Orti Botanici, vi erano gli Orti dei Semplici, tutti di origine monastica, che svolgevano questa funzione.

 

Per approfondire tutto ciò l’associazione ha inteso organizzare un viaggio in autobus a Napoli il 9 dicembre prossimo, un’iniziativa rivolta a soci e nuovi tesserati (quota € 50).



Si toccherà con mano, dunque, la storia degli Orti Botanici in Italia e in Europa, vivendo da vicino quello di Napoli, per riflettere sullo stato di conoscenze botaniche in Puglia (dove l’unico orto è a Bari).



Il programma della domenica prevede la partenza al mattino dal Gargano (Vico del Gargano, con fermate lungo il percorso) con la visita all’orto botanico e al Museo Archeologico di Napoli, entrambe istituzioni culturale tra le più importanti d'Italia nei loro rispettivi ambiti.

Gli Orti botanici nascono per sperimentare coltivazioni di piante “esotiche” che diventeranno “piante economiche” (nespoli, agrumi, patate), man mano che l’Europa impara a conoscerle in seguito alle spedizioni scientifiche (Seicento/Settecento) in cui trovano un posto importante i
botanici, oltre a naturalisti di ogni genere.



L’orto Botanico di Napoli può raccontare queste storie e soprattutto può raccontare la storia della botanica che diventa “scienza autonoma” e non più branca della medicina; quello di Napoli fondato e diretto dal Grande Michele Tenore, sarà il contesto ove nascerà la prima scuola italiana di “speciografi” (la prima scuola di botanici, in pratica, in Italia).


Informazioni e iscrizioni al tel. 3931753151

 Per ulteriori dettagli l’iniziativa è presente su Facebook come “Viaggio dal Gargano all'orto botanico di Napoli - 9 dicembre”.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

 

Giuseppe Limosani Il Maestro Partigiano