Martedì, 06 Novembre 2018 09:33

Manfredonia: “Tre tesori per il nostro futuro, Stele daunie, Coppa Nevigata, Grotta Scaloria”

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)
La locandina dell'evento La locandina dell'evento

Secondo appuntamento pubblico per il Rotary Club dedicato alle risorse turistico culturali del territorio e alla progettualità turistico culturale del territorio, conferenza dedicata alla possibilità di mettere in rete i tre grandi tesori archeologico/culturali.

 

Giovedì 8 novembre alle ore 17,30 in Aula Consiliare di Palazzo san Domenico il Rotary club di Manfredonia, con il presidente Andrea Pacilli, presenterà la conferenza pubblica dedicata alla possibilità di mettere in rete i tre grandi tesori archeologico/culturali del nostro territorio.

 

Dopo la giornata dedicata alla proposta pubblica per la candidatura delle Stele Daunie a patrimoniodell’umanità dell’UNESCO, il giorno 8 novembre il Rotary club di Manfredonia ritorna sullaprogettualità turistico culturale con un’altra manifestazione pubblica. In aula consiliare, alle 17,30, irelatori aggiorneranno circa lo stato dell’arte delle progettualità relative alla valorizzazione dei tre grandi tesori, agli unicum, di cui il territorio dispone: Stele daunie, Coppa Nevigata e Grotta Scaloria.

 

Se nella manifestazione del 3 ottobre era stata fatta la proposta di candidare le stele daunie a patrimonio Unesco, nella giornata dell’8 si aggiornerà sulle procedure che riguardano questo percorso complesso e difficile. Parimenti si prospetterà la possibilità di mettere a frutto in una specie di rete gli altri due tesori di Coppa Nevigata e Grotta Scaloria.

 

Se le stele sono custodite nel museo nazionale del Castello Svevo Angioino Aragonese di Manfredonia, chiuso da 4 anni, chiusura che impedisce da 4 anni di visitare la collezione delle stele inaugurata nel 2011, Coppa Nevigata e Grotta Scaloria sono tutte da valorizzare. Coppa Nevigata, sito ininterrottamente frequentato dal Neolitico all’età del ferro, sviluppato soprattutto nell’età del Bronzo, è studiato dall’equipe dell’Università la Sapienza del professor Alberto Cazzella. Il sito insiste sul terreno di una masseria tuttora privata ed è impossibile da visitare e soprattutto non allestito come visitabile. Grotta Scaloria, studiata dall’Istituto italiano di Archeologia Sperimentale di Genova, dall’equipe della dottoressa Isetti, è un sito neolitico di enorme importanza che raccoglie il famoso “culto delle acque” ed altri di recente scoperta. Anche Scaloria non solo non è fruibile ma si dibatte in difficolta costanti relative alla possibilità di trovare fondi che ne consentano lo studio.

Il giorno 8, il presidente del Rotary club di Manfredonia, Andrea Pacilli, aggiornerà circa la proposta candidatura Unesco delle stele daunie, proponendo fra le altre cose l’adesione pubblica al protocollo d’intesa che raccolga tutti gli enti, le istituzioni, le associazioni e i privati cittadini che vogliano sostenere il progetto e, insieme all’avvocato D’Onofrio, prospetteranno le necessità di mettere in rete tali tesori tramite una valorizzazione complessiva di essi.

 

L’avvocato Enzo D’Onofrio, nome storico del turismo di Capitanata (già direttore Azienda Autonoma del Turismo e Apt, e console del Touring Club), illustrerà il concetto di “tesori ritrovati” e nello specifico illustrerà le possibilità di valorizzazione prospettate dal professor Cazzella circa Coppa Nevigata. La dottoressa Eugenia Isetti, racconterà invece di Grotta Scaloria e delle novità circa il progetto di recupero e valorizzazione da lei già proposto; la dottoressa Isetti fa sapere che ci saranno novità interessanti. Da ricordare che la Isetti sta promuovendo una raccolta fondi per lo studio di Grotta Scaloria attraverso la vendita di acquerelli dell’artista genovese Boero, tramite una mostra allestita nel chiostro di Palazzo san Domenico, alla quale si invitano i cittadini a partecipare.

 

Nel complesso, questa la visione che il Rotary club di Manfredonia, con tutti gli amici che stanno partecipando, vuole comunicare: i beni culturali (artistici, archeologici, monumentali, enogastronomici, letterari, ecc.) non hanno valenza solo perché culturali, ma anche perché possono svolgere un ruolo fortemente economico e produttivo mediante la loro valorizzazione, per alimentare quel turismo culturale che è la vera fonte di ricchezza del nostro Paese e del nostro territorio daunio e sipontino. Manfredonia e il territorio hanno delle ricchezze inestimabili che necessitano solamente di essere messe a frutto. Se vuole risorgere, il nostro territorio deve lavorare per questo.

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

 

Giuseppe Limosani Il Maestro Partigiano