Giovedì, 06 Settembre 2018 09:59

San Giovanni R.: il concerto dei “The Wailers” nel racconto della rivista "Magazzini Inesistenti"

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

La rivista "Magazzini Inesistenti" dedica un aritcolo al concerto di chiusura di FestambienteSud, "l’incontro tra il Rastafarianesimo e la religione Cattolica ha elevato gli animi… e ha confermato, se mai ce ne fosse bisogno, che la spiritualità va oltre qualsiasi Religione".

 

Continuano i giudizi  positivi in merito al concertone di chiusura di Festambientesud 2018 a San Giovanni Rotondo con i The Wailers, che si è tenuto lo scorso 5 agosto. Questa volta è la rivista specializzata in musica e cultura "Magazzini inesistenti", in un lungo articolo di Sonia Lippi, che  descrive l'evento organizzato da Legambiente. " La gente è sempre più catturata dalla musica, dal ritmo, dalle vibrazioni che fanno stare bene. No woman no Cry viene cantata per intero dal pubblico insieme al cantante: il ritornello “everything’s gonna be all right” è un vero e proprio inno al pensiero positivo e viene ripetuto all’infinito"- scrive Lippi.

 

Pubblichiamo integralmente il lungo articolo della rivista.

Magazzini Inesistenti2

 

 

L'articolo di Sonia Lippi

Quando io e mio marito ci siamo sposati, tra i tanti regali abbiamo ricevuto anche due smart box, con tre giorni di soggiorno pagati in un luogo di nostro gradimento tra i tantissimi convenzionati. Come al solito ci siamo decisi ad usarli all’ultimo momento e, volendo andare sul Gargano in agosto, dopo molte ricerche infruttuose, ci siamo dovuti “accontentare” (si fa per dire…) di un Hotel a quattro stelle a San Giovanni Rotondo. Appena giunti in paese, mi sono accorta che ovunque si potevano leggere le parole “sofferenza” e “Padre Pio”. Solo sula strada del nostro albergo potevamo contare una “Casa Sollievo della sofferenza”, un asilo “il Sacro cuore sofferente di Maria”, il “Centro spirituale Padre Pio” (dal quale tutte le sere sentivamo innalzarsi canti Gregoriani bellissimi), “Tele Radio Padre Pio”, la rivista “voce di Padre Pio”, due negozi di souvenirs pieni di foto di Padre Pio, ritratto in ogni situazione… e non ricordo quanti altri circoli, cenacoli e conventi tutti intitolati a Padre Pio. Potete immaginare la nostra sorpresa quando in un manifesto in fondo alla strada abbiamo letto che la sera successiva, ovvero il 5 agosto 2018, i The Wailers avrebbero tenuto un concerto proprio a San Giovanni Rotondo, nel parco intitolato al Papa, in occasione di Festambiente Sud 2018. Il primo pensiero è stato: ”Wow che figata. Andiamo!”Continua a Leggere

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

 

Giuseppe Limosani Il Maestro Partigiano