Sabato, 18 Luglio 2020 14:17

Carpino, estorsione per ritrovare un motocompressore rubato: un arresto e due denunce

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

I carabinieri di Vico del Gargano e della Stazione di Carpino, il mattino del 17 luglio 2020, hanno arrestato un 43enne di Carpino, con precedenti di polizia, che in concorso con un 41enne di Rodi Garganico e un 49enne di Cagnano Varano, anche loro con precedenti di polizia, si sono resi responsabili del reato di estorsione


Il gruppo, accordandosi, organizzava nei minimi particolari un’estorsione in danno di un imprenditore che aveva subito nel mese di marzo, nelle campagne di Carpino, il furto di un motocompressore di notevole valore, poi rinvenuto abbandonato dalla vittima, che aveva corrisposto ai malviventi la somma di 3500 euro. I carabinieri di Vico del Gargano, da tempo, pongono particolare impegno nel contrasto al fenomeno dei furti di attrezzature, mezzi agricoli, bestiame e delle “estorsioni”, spesso non denunciate, in danno delle aziende agricole, anche di piccole dimensioni. Infatti l’avvenimento di tali reati provoca agli agricoltori perdite a volte incolmabili che possono portare alla chiusura dell’attività o allo sconforto di non riuscire a superare quel difficile momento economico.
E’ proprio attraverso il metodico servizio di monitoraggio del territorio e il costante contatto delle pattuglie con gli operatori nelle campagne dell’area garganica, che i carabinieri hanno acquisito informazioni importanti sui soggetti malintenzionati che gestiscono i reati rurali, sin dal furto, per poi proporsi “benefattori” nella risoluzione del problema ed il ritrovamento della refurtiva.
L’approfondimento, scaturito dalle notizie raccolte, consentiva di identificare un gruppo composto dai tre correi che, attraverso la forza intimidatrice derivante dalla conoscenza nell’ambito della comunità del loro spessore criminale, si poneva quale riferimento per far ritrovare, previo pagamento, quanto rubato. Le risultanze investigative, permettevano di documentare l’azione specifica dei tre soggetti, che nel mese di marzo, gestendo il furto di un motocompressore, richiedevano al proprietario, minacciandolo, la somma di oltre 3 mila euro, per tornarne in possesso. Il mezzo veniva poi ritrovato abbandonato nelle campagne di Cagnano Varano.
La Procura della Repubblica di Foggia, che ha coordinato l’indagine, emetteva un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico del 43enne di Carpino, ritenuto responsabile del reato di estorsione, in concorso con gli altri indagati.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”