Venerdì, 28 Febbraio 2020 10:02

San Giovanni Rotondo: scattano i licenziamenti ai parcheggiatori, la SACAR punta il dito contro il Comune

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il parcheggio multipiano e la lettera della SACAR Il parcheggio multipiano e la lettera della SACAR

Perdite economiche che non consentono più di mantenere gli attuali livelli occupazionali, "parcheggio multipiano chiuso", “questione Pozzo Cavo” e “ parcheggi abusivi” sono queste le motivazione che hanno spinto la società a licenziare 12 delle 33 unità lavorative impegnate.

Brutte notizie per dodici dipendenti della SACAR s.r.l., la società che si occupa da qualche anno della gestione dei parcheggi della città di San Pio. La SACAR ha comunicato perdite economiche che non consentono più di mantenere gli attuali livelli occupazionali già qualche mese fa, successivamente vi è stata anche una mobilitazione sindacale.

Iniziativa sindacale di FISASCAT, FILCAMS e UILTUSCS, «Ancora una volta l'anello debole della catena lavorativa si trova a dover subire errori di valutazione aziendale ed istituzionale. Non è, purtroppo, la prima volta che questa platea di lavoratori si trova in questa situazione e perciò faremo di tutto per evitare i licenziamenti e soprattutto trovare soluzioni che garantiscano serenità occupazione e reddituale alle 33 famiglie coinvolte in questa vertenza». Dicono i sindacati.

 

letterasacarIntanto è arrivata la lettera di licenziamento in data 20 febbraio (in foto).Licenziamento collettivo per riduzione di personale",tutti part time,tutti operatori di parcheggio presso il Comune di San Giovanni Rotondo addetti all’espletamento di servizi di gestione di parcheggi e servizi accessori integrati nella zona internazionale affidati alla SACAR a seguito di gara, del 17 giugno 2016.

 

La società con sede legale a Bologna, nella lettera recapitata ai dodici dipendenti delinea le motivazioni che hanno spinto al licenziamento collettivo per riduzione di personale.

 

“Anomala situazione relativa al parcheggio multipiano”,- scrive SACAR- parcheggio attualmente chiuso, costruito negli anni precedenti al Giubileo in Viale Padre Pio. “La struttura è in una situazione fatiscente con evidenti problemi di natura strutturale che nel corso degli anni ne ha limitato l’utilizzo e adesso è assolutamente inutilizzabile-scrive ancora SACAR-. A fronte della comunicazione resa al Comune con cui il parcheggio è stato reso inagibile non risulta alcuna previsione temporale circa una riapertura, le continue infiltrazioni creano caduta di calcinacci e importanti problemi di tenuta e sicurezza dell’impianto elettrico tali da fare temere per la pubblica e privata incolumità”. Nella stessa lettera vengono riportate le cifre relative agli incassi degli ultimi anni, dove emerge un forte calo degli introiti. “Anno 2016 il parcheggio multipiano ha incassato 170.000 euro, il 2017 circa 121.000 euro (con diversi giorni di chiusura, da fine gennaio a marzo e da marzo ad aprile, e con un solo piano funzionante,ndr), 2018 circa 125.000 euro, anno 2019 circa 71.000 euro (con circa 5 mesi di chiusura, ndr), nel 2020 il parcheggio è stato chiuso".

 

Oltre alla mancanza di incassi dovuti alla chiusura del parcheggio multipiano la SACAR fa anche riferimento al parcheggio “Pozzo Cavo”, la cui gestione è anche della stessa. “Il servizio è stato sospeso stante la pronuncia del Tar Puglia che ha ritenuto non legittima la richiesta delle tariffe di parcheggio ai Bus turistici privi di prenotazione. Secondo le previsione questa situazione comporterà perdite stimate in non meno di 200.000 euro” , sostiene l’azienda che aggiunge: “ a fronte di tale situazione la società ha richiesto la revisione del contratto senza che ciò abbia portato ad alcun riscontro da parte del Comune di San Giovanni Rotondo”.

 

Come ultima questione la società SACAR punta il dito verso Palazzo San Francesco anche per il fenomeno abusivi. “ Il Comune non è riuscito a porre rimedio al fenomeno dell’abusivismo legato alla sosta dei veicoli a cui di fatto , viene impedito a valle l’accesso ai parcheggi oggetto di appalto, determinando un considerevole calo di introiti per il Comune e per la società”.

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”