Mercoledì, 31 Luglio 2019 08:50

San Giovanni Rotondo,incendio mezzi Tekra, pochi i dubbi: “incendio doloso”

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

Indagini serrate da parte dei carabinieri, il prefetto di Foggia, Raffaele Grassi, ha convocato il comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per venerdì pomeriggio a Palazzo San Francesco, appello di Legambiente e del M5s.

Avrebbero agito almeno due persone la scorsa notte nella zona Pozzo Cavo, la conferma sarebbe arrivata dopo l’acquisizione dei filmati delle telecamere posizionate nella zona. Secondo indiscrezioni le immagini sarebbero utili per la ricostruzione dell’accaduto ma non chiare per l’identificazione degli esecutori dell’incendio. Il rappresentante legale della Tekra è stato ascoltato dai carabinieri ma non ha fornito elementi utili alle indagini, indagini che ovviamente sono ancora in corso ed è ancora presto per capire se gli inquirenti hanno qualche sospetto.

 

Intanto il prefetto di Foggia, Raffaele Grassi ha convocato il comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per venerdì pomeriggio a Palazzo San Francesco. “Se volevate fare un danno alla città ci siete riusciti”, è stato il commento del primo cittadino Michele Crisetti, che nella giornata di ieri ha firmato una Ordinanza Sindacale per la sospensione della raccolta dei rifiuti nella giornata di oggi. “Siamo molto preoccupati” è stato il commento del segretario della Fp Cgil di Foggia, Mario La Vecchia, “E’ una situazione intollerabile, anche perché va a colpire un’area, quella garganica, che anche le ultime relazioni indicano come la più bersagliata dai grandi business malavitosi”- ha sottolineato. Si tratta dell'ennesimo  attentato alla ditta Tekra da quando opera a San Giovanni Rotondo. Il primo episodio è avvenuto nel maggio di due anni fa quando ignoti spararono colpi d’arma da fuoco contro tre mezzi parcheggiati sempre nel deposito di Pozzo Cavo. A settembre invece l’azienda subì il furto di tre mezzi. Infine, ad ottobre dello stesso anno furono dati alle fiamme tre veicoli per la raccolta dei rifiuti.

 

Dopo il grave episodio è intervenuto anche il circolo di Legambiente di San Giovanni Rotondo che ha lanciato un appello ai cittadini. “Evitiamo in questi giorni di conferire immondizia per le strade, evitiamo di buttarla in periferia per scongiurare il rischio di inquinamento ambientale e di possibili epidemie igienico-sanitarie. Seguiamo attentamente l’ordinanza sindacale”. Interviene anche il deputato del Pd Michele Bordo: “Si tratta di un gesto gravissimo che avrebbe potuto provocare un disservizio significativo nella raccolta quotidiana dei rifiuti, con conseguenze pesanti per i cittadini”. Commentano l’accaduto anche gli attivisti del Movimento 5 stelle:questo incendio pone drammaticamente all’attenzione di tutti il fatto che purtroppo viviamo sotto scacco di “ignoti” che, con atti criminosi, non esitano a mettere in difficoltà un’intera comunità. Com'è possibile che l’incendio scoppi proprio nel frangente di tempo in cui si dovrebbe procedere all’apertura delle buste contenenti le proposte delle uniche due ditte partecipanti alla gara d’appalto per l’assegnazione del servizio di raccolta dei rifiuti per i prossimi due anni? Condanniamo con forza questo gesto ignobile- concludono i pentastellati- chiediamo maggiore sicurezza per tutti, attendiamo fiduciosi che i responsabili siano presto assicurati alle forze dell’ordine e che l’assegnazione dell’appalto per la raccolta dei rifiuti avvenga nel pieno rispetto della legalità”.

 

PUBBLICITA'

pubblicità2

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”