Mercoledì, 22 Maggio 2019 09:39

San Giovanni R., canile: esposto Enpa alla Procura della Corte dei Conti, "contrasferimento dei cani a Bari rischio di danno erariale"

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

L'Ente Nazionale Protezione Animali ha presentato un esposto alla Procura della Corte dei Conti in merito al trasferimento dei randagi dal canile di San Giovanni Rotondo a quello di Bari, gestito dalla Mapia S.r.l..

Secondo Enpa, tale trasferimento non presenterebbe soltanto profili di illegittimità, ma causerebbe anche un danno erariale alle amministrazioni pubbliche per quanto concerne la ripartizione delle risorse (stanziate dal Ministero della Salute) e la successiva erogazione dei fondi per le attività di prevenzione e contrasto al randagismo. Tali fondi vengono infatti suddivisi in base al numero di randagi che insistono su un dato territorio. Pertanto, trasferire i cani dal Comune di competenza, cioè quello su cui sono stati messi in sicurezza, a un altro - per di più distante oltre 100 chilometri - equivarrebbe ad alterare e distorcere i parametri sulla cui vengono assegnate le risorse pubbliche, oltre a vanificare il lavoro dei volontari per trovare loro un'adozione.

 

Il condizionale è d'obbligo, poiché, nonostante le ripetute e pressanti richiesta di Enpa, la convenzione tra il Comune di San Giovanni Rotondo e la Mapia Srl di Bari resta, ad oggi, un oggetto misterioso. «Nei mesi passati, con il supporto del coordinamento regionale Enpa per la Puglia, abbiamo più volte sollecitato l'amministrazione comunale sull’emergenza randagismo e chiedendo altresì di essere edotti in merito alla convenzione nei suoi vari e disparati aspetti. Ma l'amministrazione comunale - spiega Gloria Pia Capodilupo, responsabile Enpa sul territorio - ha sempre mantenuto il più stretto riserbo».

 

Per questo, contestualmente all'esposto alla Procura della Corte dei Conti, l'associazione ha anche presentato al Comune di San Giovanni Rotondo un'istanza di accesso agli atti. «Così - prosegue Gloria Pia Capodilupo - sarà finalmente possibile capire cosa prevede questa fantomatica convenzione alla luce delle inusuali movimentazioni (un canile efficiente dovrebbe gestire quanto in convenzione, senza dovere sottoporre i cani a viaggi e spostamenti). I cittadini hanno diritto di sapere come vengono impiegate le risorse pubbliche, tanto più se tale utilizzo rischia di causare un danno alla salute e al benessere dei cani». I quali, ricorda Enpa, vengono costretti a un viaggio di circa 150 chilometri per arrivare in una struttura che potrebbe essere sovraffollata.

 

PUBBLICITA'

pubblicità2

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”