Lunedì, 12 Febbraio 2018 10:13

Dia: “Mafia molto attiva in Puglia”, 44 i clan in provincia di Foggia

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(1 Vota)
Mappa Corriere del Mezzogiorno (fonte DIA) Mappa Corriere del Mezzogiorno (fonte DIA)

I clan attivi in Puglia sono 139: 44 sono presenti a Foggia e provincia, Nella relazione si sottolinea «l’abbondanza di giovani leve, a volte estranee a contesti di criminalità organizzata ma che si prestano comunque ad attività funzionali al perseguimento degli scopi illeciti».

 

Tutta La Puglia è fortemente coinvolta nei fenomeni di malavita organizzata, da nord a sud, la mafia, le organizzazioni criminali non risparmiano nessuna provincia pugliese.

 

Una campagna di conquista avviata in piccoli e grandi centri: nelle città che occupano un ruolo di rilievo nella vita sociale, politica ed economica, ma anche in paesi apparentemente marginali e invece preziosi per la gestione di territorio, affari e consenso. Ecco lo scenario che affiora dall’ultima relazione presentata al Parlamento dalla Direzione investigativa antimafia sulla criminalità organizzata pugliese, cosche che si contendono il territorio e perseguono mire espansionistiche attraverso una massiccia campagna di reclutamento. Che passa anche dall’arruolamento occasionale di gruppi di fuoco utili per dettare la legge del terrore a colpi di kalashnikov.

 

I clan attivi in Puglia sono 139: 44 sono presenti a Foggia e provincia, 35 nell’area di Bari, 10 in quella di Brindisi, 24 in quella di Taranto, 13 in quella di Lecce, sempre 13 nella Bat. Ma non è tutto.  Nel rapporto della Direzione investigativa antimafia ci sono luoghi e numeri, ci sono mappe in cui è tratteggiata graficamente un’offensiva criminale che prosegue da decenni nonostante i colpi subiti a livello giudiziario ( Vedi mappa corriere del Mezzogiorno- fonte DIA).

 

La realtà raccontata dalla Dia nel dossier (riferito al primo semestre 2017) racconta di un inquinamento criminale presente in tutta la regione. Non ci sono eccezioni, non ci sono isole felici. Al contrario, incrociando i dati raccolti dagli investigatori viene fuori la reale dimensione di un fenomeno troppo a lungo sottovalutato a livello politico.

 

Dal dossier emerge che sono 115 le città pugliesi in cui è segnalata la presenza di cosche o comunque gruppi legati alla criminalità organizzata: in questa mappa ci sono i sei capoluoghi di provincia ma anche altre 109 città (27 in provincia di Bari, 10 in provincia di Taranto, 20 in provincia di Foggia, 36 in provincia di Lecce, 16 in provincia di Brindisi), una vasta fetta del territorio pugliese dove l’inquinamento criminale è certificato da elementi concreti scolpiti nelle operazioni degli investigatori e nella storia processuale della regione.

 

Quello pugliese si conferma uno scenario frastagliato, caratterizzato da equilibri traballanti e alleanze destinate a evaporare nel giro di pochi mesi, una caratteristica che accomuna da tempo le varie frange della cosiddetta «quarta mafia» che in realtà è un arcipelago di cosche in grado di mettere in campo un volume di fuoco impressionante: armi da guerra imbracciate da batterie di soldati reclutati di volta in volta dalle cosche, gente che non viene affiliata ma soltanto pagata e arruolata dalle organizzazioni a seconda dello scenario del momento, gruppi utilizzati come mercenari dai boss che dettano le grandi strategie. «Gli equilibri tra le varie fazioni - dice il comandante della Dia di Puglia, Vincenzo Mangia - possono cambiare rapidamente, questo è un contesto in cui gli alleati possono divenire nemici da un momento all’altro».

 

La Provincia di Foggia affiora come la zona maggiormente a rischio. «Il quadro - è scritto nel rapporto - si presenta complesso ed instabile con dinamiche che risentono dell’operatività di sodalizi mafiosi». Nella relazione si sottolinea «l’abbondanza di giovani leve, a volte estranee a contesti di criminalità organizzata ma che si prestano comunque ad attività funzionali al perseguimento degli scopi illeciti». «Rilevano altresì - si legge ancora nella relazione - la massiccia presenza di armi e il forte legame dei sodalizi con il territorio che favoriscono un contesto omertoso e violento».

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”