Mercoledì, 08 Novembre 2017 12:29

Giudici e funzionari corrotti a Foggia, sentenze pilotate: interdetti due commercialisti di San Giovanni Rotondo

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(1 Vota)

Interdizione dall’esercizio della professione per due commercialisti di San Giovanni Rotondo. Le accuse: corruzione in atti giudiziari, falso e truffa, in concorso. Ecco come funzionava nelle commissioni tributarie Regionale e Provinciale di Foggia.

Sotto la direzione della Procura della Repubblica di Foggia, all’esito di complesse attività investigative condotte dai militari del Gruppo Tutela Spesa Pubblica/Sezione Anticorruzione del Nucleo di Polizia Tributaria di Bari con l’ausilio di personale della sezione di pg GdF della Procura del capoluogo dauno, nella prima mattinata di oggi è stata data esecuzione all’ordinanza emessa dal GIP presso il Tribunale dauno, applicativa di tredici misure cautelari personale, di cui 10 ai domiciliari e tre interdittive per tre commercialisti, tra cui due di San Giovanni Rotondo che non potranno esercitare la professione per 12 mesi. Si tratta dei commercialisti Giovanni Antini e Mauro Gadaleta, interdetto anche Gianluca Orlandi di Noicattaro.

I reati contestati agli indagati, tra cui giudici tributari, funzionari delle Commissioni Tributarie Regionale e Provinciale di Foggia, commercialisti/difensori e imprenditori/contribuenti, sono quelli di corruzione in atti giudiziari, falso e truffa, in concorso.

La delicata e articolata indagine ha permesso di accertare che alcuni segretari di sezione delle Commissioni Tributarie Provinciale di Foggia e Regionale hanno costituito per lungo tempo il punto di riferimento dei difensori di alcuni contribuenti del territorio.

Questi, per evitare che i loro clienti pagassero allo Stato le imposte dovute, avrebbero preferito versare somme di denaro o altre utilità ai funzionari amministrativi delle commissioni e ad alcuni giudici delle stesse, in cambio di decisioni favorevoli nei contenziosi tributari: ciò determinava per i contribuenti un vantaggio patrimoniale e per i difensori prestigio e guadagni nell’ambiente tributario.

In cambio della promessa e/o della commissione di tali illecite condotte, sarebbero state versate da parte dei difensori commercialisti o di intermediari ai pubblici uffici corrotti, utilità varie o somme di denaro ammontanti a circa 500 e 1000 euro per sentenza.

Il lavoro svolto dagli inquirenti è stato caratterizzato da complesse attività di intercettazione telefonica, ambientale, audio-video, interrogatori, assunzioni di informazioni, nonché perquisizioni e sequestri di documenti e computer. Sono circa 70 i militari della Guardia di Finanza che hanno operato per l’esecuzione delle ordinanze a Foggia, Cerignola, Vieste, Ischitella e Bari.

 

Ecco la lista degli arrestati (tutti ai domiciliari): 

GIUDICI TRIBUTARI 

Giuseppe D'Avolio di Ischitella

Vito Merra di Cerignola

Antonio Ventura di Foggia

Antonio Cerase di Foggia

DIPENDENTI COMMISSIONI TRIBUTARIE

Rosaria Adriana Benigno di Foggia (in pensione)

Domenico Laricchia di Foggia

COMMERCIALISTI DIFENSORI

Gaetano Stasi di Foggia

Antonio Scala di Vieste

Francesco Ricciardi di Foggia

Gaetano Valerio di Vieste 

Interdizione per i commercialisti:

Giovanni Antini di San Giovanni Rotondo

Mauro Gadaleta di San Giovanni Rotondo

Gianluca Orlandi di Noicattaro (Ba)

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”